0 1433 Views

Via libera con riserva per lo Sblocca-cantieri

Il decreto governativo rinominato “sblocca-cantieri” ha avuto in questo giorni il via libera da parte del Consiglio dei Ministri, nonostante siano ancora diversi i nodi irrisolti e infatti la sua partenza è annunciata “salvo intese”, ovvero in versione non definitiva.  L’intesa raggiunta dai due alleati del governo, Movimento 5 stelle e Lega, è positiva solamente sulla riforma del Codice Appalti, che gli operatori nel settore edilizia e costruzioni richiedono da tempo affinché si possa superare la stagnazione e i cantieri già appaltati possano essere sbloccati.

Il testo sarà dunque riesaminato prima di poter diventare legge, e la discussione verterà soprattutto sulla lista delle opere che nello specifico dovranno essere sbloccate, un punto su cui i due alleati non si trovano niente affatto d’accordo dal momento che la Lega spinge su un Commissario unico, mentre i rappresentanti governativi dei pentastellati vorrebbero che ci fossero diversi commissari straordinari che si occupino dei cantieri di tante diverse mini-opere, concentrate soprattutto nel centro-sud.

Previous Bologna: convegno su Involucro edilizio
Next Nuove norme antincendio condomini

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Il nuovo ponte Morandi sarà progettato da Renzo Piano

Gli ingegneri al lavoro sulla progettazione del nuovo ponte Morandi, che sostituirà la struttura dopo il tragico crollo dello scorso 14 agosto che è costato la vita a 43 persone,

Attualità

Inarcassa: crediti per oltre 800 milioni di euro

La cassa previdenziale di architetti e ingegneri, Inarcassa, comunica che dai controlli è emerso che per quanto riguarda l’anno 2018 oltre 50 mila professionisti iscritti sarebbero inadempienti nei confronti degli

Attualità

L’Agenzia delle Entrate e i nuovi modelli fiscali

Sono già pronti e disponibili nel sito dell’Agenzia delle Entrate i nuovi modelli 2019 per il 730 – Dichiarazione dei redditi, modello Unico, Iva, Iva 74 bis, 770 e Cupe.