Nuove norme antincendio condomini

Nuove norme antincendio condomini

A partire dal 6 maggio saranno applicate le nuove norme per quanto riguarda la sicurezza antincendio nei condomini contenute nel decreto del Ministero dell’Interno del 25 gennaio 2019, disponibile nella Gazzetta Ufficiale n. 30 del 7 febbraio 2019. Il decreto, nello specifico, contiene “Modifiche ed integrazioni all’allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246 concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”. Il termine del 6 maggio 2019 si applica soltanto ai condomini di nuova costruzione, mentre per gli immobili pre-esistenti le scadenze per l’adeguamento sono più larghe: il 6 maggio 2021 per quanto riguarda l’installazione di dispositivi di segnalazione e allarme di incendi e il 6 maggio 2020 per quanto riguarda tutte le altre disposizioni contenute nel decreto.

Sarà il Comando dei vigili del fuoco a raccogliere le comunicazioni dell’avvenuto adeguamento alla normativa. Per quanto riguarda i livelli di protezione possibili, sono quattro. Il livello di prestazione L.P. 0 riguarda gli edifici alti fra i 12 e i 14 metri, il L.P. 1 gli edifici fra i 24 e i 54 metri, il L.P. 2 gli edifici di altezza compresa fra i 54 e gli 80 metri e infine il L.P. 3 che comprende gli edifici alti oltre 80 metri o comunque che contengano oltre mille persone al loro interno, anche se di altezza inferiore. L’obiettivo multiplo dei requisiti di sicurezza antincendio sulle facciate è quello di limitare la propagazione di un incendio, limitare la possibilità di incendio delle facciate degli edifici ed evitare o quantomeno limitare la caduta di parti della facciata.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

SOA: non avranno più obbligo di sede in Italia

Se ne discuteva già da tempo alla Corte Europea: le SOA, ovvero le Società Organismi di Attestazione, che nel nostro Paese avevano obbligo di sede legale in Italia, sono considerate

Attualità

Inarcassa: crediti per oltre 800 milioni di euro

La cassa previdenziale di architetti e ingegneri, Inarcassa, comunica che dai controlli è emerso che per quanto riguarda l’anno 2018 oltre 50 mila professionisti iscritti sarebbero inadempienti nei confronti degli

Attualità

Terremoti: il modello Umbria ha evitato la tragedia

Il terremoto che ha colpito il centro-Italia alle 7:40 del 29 ottobre, di magnitudo 6.5 secondo il centro nazionale INGV, ha portato vasti crolli ma ha evitato che i danni