Boom di partite iva nel 2017
1172 Views

Boom di partite iva nel 2017

I dati a disposizione del Dipartimento delle Finanze hanno rilevato una crescita delle partite iva nel nostro paese. Rispetto infatti al mese di ottobre dello scorso anno si è registrato un incremento di 1,5 punti percentuali nell’apertura di partite iva, di liberi professionisti e società di capitali, pari a 18.697 unità.
In testa alla classifica delle nuove partite iva c’è il Nord Italia, con oltre il 40% delle aperture, seguito dal 38,2% al Sud e nelle isole maggiori e il 21% di aperture nel Centro Italia. Il commercio è il settore in cui si è registrato il maggior incremento. L’incremento è dovuto in parte anche all’introduzione della legge nota come Jobs Act Autonomi, che ha introddotto un nuovo regime di cassa per le contabilità in regime semplificato e sgravi fiscali Inps per i lavoratori iscritti alla gestione separata. Inoltre per gli studi professionali, i professionisti e le imprese senza dipendenti, o con un massimo di un dipendente, è stata approvata l’abolizione dell’Irap 2017 e dello strumento statistico degli studi di settore.

Previous Settimana del Pianeta Terra: in classe con il geologo
Next Il Demanio lancia il portale EnTer

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Novità sul progetto Salva Italia

Il progetto Salva Italia, dedicato alla ricostruzione e a una progettazione che tenga in maggior conto il rischio sismico nella fascia appenninica, comincia a prendere forma. Il 1° settembre si

Attualità

Nuovo Sismabonus: dubbi e incertezze sulle zone sismiche

L’Ordine degli Ingegneri di Milano, dando voce a tanti professionisti che al momento dell’entrata in vigore del regolamento noto come Sismabonus si erano fatti la stessa domanda, hanno richiesto una

Attualità

SOA: non avranno più obbligo di sede in Italia

Se ne discuteva già da tempo alla Corte Europea: le SOA, ovvero le Società Organismi di Attestazione, che nel nostro Paese avevano obbligo di sede legale in Italia, sono considerate