Boom di partite iva nel 2017

Boom di partite iva nel 2017

I dati a disposizione del Dipartimento delle Finanze hanno rilevato una crescita delle partite iva nel nostro paese. Rispetto infatti al mese di ottobre dello scorso anno si è registrato un incremento di 1,5 punti percentuali nell’apertura di partite iva, di liberi professionisti e società di capitali, pari a 18.697 unità.
In testa alla classifica delle nuove partite iva c’è il Nord Italia, con oltre il 40% delle aperture, seguito dal 38,2% al Sud e nelle isole maggiori e il 21% di aperture nel Centro Italia. Il commercio è il settore in cui si è registrato il maggior incremento. L’incremento è dovuto in parte anche all’introduzione della legge nota come Jobs Act Autonomi, che ha introddotto un nuovo regime di cassa per le contabilità in regime semplificato e sgravi fiscali Inps per i lavoratori iscritti alla gestione separata. Inoltre per gli studi professionali, i professionisti e le imprese senza dipendenti, o con un massimo di un dipendente, è stata approvata l’abolizione dell’Irap 2017 e dello strumento statistico degli studi di settore.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 520 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Le nuove definizioni del regolamento unico edilizio

Gli uffici tecnici comunali, provinciali e regionali tirano un sospiro di sollievo grazie alle 42 nuove definizioni standardizzate, relative al settore edilizio e delle costruzioni, che saranno contenute nel nuovo

Attualità

Novità bonus casa 2018

Con la nuova Legge di Bilancio 2018, ovvero il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018, ci sono diverse novità per quanto riguarda i bonus governativi relativi a

Attualità

Appalti pubblici: se un’azienda fallisce può essere sostituita nell’appalto

La Corte di Giustizia, con la causa n. C396/14 del 24 maggio, ha stabilito che nel caso in cui una delle aziende facenti parte di un raggruppamento di imprese partecipanti