Nuovo Codice di Prevenzione Incendi

Nuovo Codice di Prevenzione Incendi

La bozza di decreto riguardante la materia della Prevenzione degli incendi, e che andrà a sostituire il  Decreto Ministeriale del 3 agosto 2015, è stata recentemente approvata, anche se ci vorranno ancora circa 180 giorni prima che sia approvata e pubblicata ufficialmente nella Gazzetta Ufficiale. Il nuovo Codice di Prevenzione Incendi dovrebbe risolvere una serie di criticità date soprattutto dalla rigidità delle normative prescrittive, lasciando spazio più ampio alle valutazioni dei professionisti che potranno intervenire caso per caso.

Una delle novità più rilevanti riguarda l’applicazione della normativa prestazionale del codice, che sarà applicata a 42 su 80 delle attività oggi soggette a controllo da parte dei Vigili del Fuoco. Superare l’approccio prescrittivo a favore di quello prestazionale significa in buona sostanza applicare un approccio più moderno, di tipo ingegneristico, che si basa sulla predizione della dinamica dell’incendio attraverso dei modelli di calcolo, dando ai professionisti esperti nel settore della prevenzione degli incendi un ruolo più rilevante e attivo.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 622 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Arriva la Riforma delle Casse previdenziali

Le Casse previdenziali degli ordini professionali stanno per essere riformate, infatti è in arrivo entro il mese di aprile la proposta di legge per il Testo unico di riforma degli

Normative

Operativo il nuovo bando ANAC tipo 3

Secondo quanto indicato dal Decreto Legislativo n.50/2016, l’ANAC ha pubblicato il Bando tipo n. 3 che riguarda i bandi di gara a procedura aperta per l’affidamento di servizi di ingegneria

Normative

Il Governo annuncia modifiche sul Codice Appalti

Per il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli il Codice Appalti necessita di ulteriori semplificazioni affinché il settore possa ripartire dallo stallo, rassicurando tuttavia che semplificazione non è