I comunicati Anac sono considerati non vincolanti

I comunicati Anac sono considerati non vincolanti

Il Tar di Perugia, con la sentenza n. 428 del 31 maggio 2017, ha stabilito che le direttive contenute nei comunicati Anac devono essere considerate come pareri non vincolanti, ovvero dei pareri interpretativi per quanto riguarda la disciplina sui contratti pubblici, che rimane l’unica valida a dettare linee guida nel settore.

Infatti con il nuovi sistema fondante del decreto 50/2016 non esiste un’unica fonte regolamentare che disciplina la materia ma una pluralità di atti e documenti che hanno la stessa valenza giuridica, fra cui anche le linee guida dell’Anac, che tuttavia si devono distinguere in due categorie, ovvero linee guida vincolanti e non vincolanti., con le seconde che in numero superano di gran lunga le prime, per adeguare le nostre leggi nazionali al concetto di “soft law” europeo. Quindi i pareri espressi nei comunicati del presidente Anac devono essere considerati dalle stazioni appaltanti come privi di efficacia vincolante, e proprio per questo è possibile discostarsene senza doverne fornire motivazione.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Nuova legge sul preventivo obbligatorio

Con il DDL Concorrenza, che ha visto recentemente la luce dopo ben 30 mesi di discussione alla Camera e al Senato, il nostro Paese ha per la prima volta una

Normative

Correttivo sul Sisma-bonus sulle diagnosi di geometri e periti

Dopo le proteste ufficiale del Consiglio Nazionale dei Geometri sul veto posto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nel decreto noto come Sisma-bonus per geometri e periti, che secondo

Normative

Sicurezza e campionamento su strutture: solo 120 aziende sono autorizzate

Il tragico crollo del Ponte Morandi ha messo in moto una serie di quesiti e questioni tecniche: i cittadini italiani chiedono sicurezza e si interrogano su come si possano prevenire