Nasce il sistema di allerta per maremoti

Nasce il sistema di allerta per maremoti

La Protezione Civile, con una direttiva del Consiglio dei Ministri datata 17 febbraio 2017 e ora pubblicata anche nella Gazzetta Ufficiale, ha istituito il Sistema di Allertamento nazionale per i Maremoti generati da terremoti nel Mar Mediterraneo. Il nuovo organo, il SiAM, avrà il compito di allertare la cittadinanza sui maremoti e gli tsunami che potrebbero essere provocati da scosse sismiche, fermo restando che in un bacino chiuso come il mar Mediterraneo fa sì che le allerte possano essere di poco precedenti l’evento, proprio per le peculiarità territoriali.

Entro tre mesi dalla pubblicazione in Gazzetta la Protezione Civile dovrà adeuguare mezzi, risorse umane e strutture per far fronte alla realizzazione e la pianificazione di nuovi piani d’emergenza per casi specifici che riguardano maremoti, prendendo come punti di riferimento e dati validi quelli ottenuti con la rete mareografica nazionale (gestita dall’ISPRA) e dei mareografi presenti lungo le coste. Uno strumento necessario e ulteriore per proteggere e dare maggiori informazioni ai cittadini su calamità naturali.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 622 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Risparmio energetico: stop alle lampade alogene

Dal 1° settembre l’Unione Europea mette al bando le lampade alogene. L’applicazione della direttiva UE n. 244/2009 infatti prevede che tutti i sistemi di illuminazione alogeni, sia per uso civile

Ambiente

Otto nuovi inceneritori: via libera anche in Gazzetta Ufficiale

L’accensione di otto nuovi inceneritori in diverse regioni italiane (Umbria, Marche, Lazio, Campania, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna) è ormai alle porte, nonostante il no dei comitati ambientali territoriali infatti

Ambiente

Sicilia: bloccata la sanatoria per gli edifici sulla costa

La sanatoria che avrebbe permesso ai proprietari di edifici e abitazioni poste a meno di 150 metri dalla costa non s’ha da fare, così riferisce Giovanni Ardizzone, presidente dell’Assemblea Regionale.