Regione Sardegna: 3 milioni per aree minerarie dismesse

Regione Sardegna: 3 milioni per aree minerarie dismesse

La Regione Sardegna ha pubblicato un bando per la riqualificazione delle aree minerarie dismesse, dedicato a tutti i Comuni coinvolti che presentino progetti validi per una ristrutturazione attiva e inclusiva delle aree. Sono ammessi al bando tutti i progetti per la messa in sicurezza delle aree, per la loro riqualificazione e per il recupero ambientale. La messa in sicurezza è un intervento necessario in tutti i casi di rischio idrogeologico o fenomeni di natura erosiva o franosa.

Il recupero è previsto nei casi in cui le aree siano di proprietà pubblica o comunque di disponibilità pubblica. Ogni intervento potrà essere finanziato al massimo con 250 mila euro, che è anche il tetto massimo di spesa per ogni Comune coinvolto nel progetto regionale di recupero e messa a norma. Le domande devono pervenire alla Regione Sardegna, attraverso l’apposito spazio dedicato sul sito online, entro e non oltre il 31 luglio 2017.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 606 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Valutazione Impatto Ambientale: le Regioni chiedono più chiarezza

La Conferenza delle Regioni discuterà al Senato sul disegno di legge che compete la valutazione di impatto ambientale, abbreviata in VIA. Donatella Spano, coordinatrice della Commissione Ambiente ed Energia della

Ambiente

Il Demanio lancia il portale EnTer

L’Agenzia del Demanio ha ideato una piattaforma digitale per supportare e promuovere la valorizzazione immobiliare di beni di proprietà degli enti pubblici. La nuova rete informatica infatti raccoglierà quante più

Ambiente

Una nuova edilizia contro l’erosione costiera

Il Ministero per l’Ambiente e il Territorio ha avviato pochi giorni fa un Tavolo Nazionale per discutere e avviare dei piani per la protezione del territorio costiero. Secondo il ministro