Impianto fototermico escluso dall’ecobonus

Impianto fototermico escluso dall’ecobonus

Il bonus dedicato alla riqualificazione energetica degli edifici esclude gli impianti fototermici, ovvero i sistemi per il recupero dell’energia in eccesso sviluppata da impianti fotovoltaici. L’esclusione è messa nero su bianco anche dall’Agenzia delle Entrate nella risposta n. 135 del 27 dicembre 2018. L’uso dell’energia in eccesso, che sarebbe stata utilizzata dal richiedente per riscaldare l’acqua e come aiuto al sistema di riscaldamento domestico, attraverso il fototermico non è però contemplato come impianto che possa usufruire degli sgravi previsti dalla normativa vigente. Tuttavia nella risposta l’Agenzia delle Entrate chiarisce che l’intervento potrebbe usufruire di altri sgravi fiscali, come per esempio le detrazioni previste per il recupero del patrimonio edilizio.
Per il 2019 sono stati riconfermati dal Governo sia gli ecobonus sugli impianti, sia il bonus casa e il bonus verde per il recupero delle aree verdi nei giardini privati o nelle aree verdi condominiali con una detrazione pari al 36% per spese fino ai 5 mila euro.

Previous Nuovo regime forfettario 2019
Next UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Ecobonus: vademecum ENEA per interventi di domotica

L’Ecobonus autorizzato dalla recente Legge di Stabilità riguarda, oltre agli interventi per l’efficientamento energetico più classici, anche quelli basati sulla building automation, ovvero gli interventi di domotica che consentono di

Ambiente

Pubblicato report I-Com sull’efficienza energetica

Secondo l’analisi condotta dall’Istituto per la Competitività I-Com in collaborazione con ENEA, l’Agenzia Nazionale per le Nuove tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile, l’efficienza energetica degli edifici è assicurata

Ambiente

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero