UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero (la sigla ufficiale è nZEB, ovvero nearly Zero Energy Building). Nel 2021 l’obbligo sarà poi esteso anche agli edifici privati e residenziali di nuova costruzione. Un concetto importante per la tutela ambientale e lo sfruttamento delle risorse rinnovabili, infatti con edificio a energia quasi zero si intende un immobile dotato di altissima prestazione energetica e bassissima dispersione, il cui fabbisogno di energia dovrebbe essere coperto da fonti di energia rinnovabile di proprietà o poste nelle immediate vicinanze dell’edificio.

Gli impianti che devono essere considerati nZEB sono ovviamente il riscaldamento, la climatizzazione estiva ma anche la produzione di acqua calda sanitaria e la ventilazione e gli assorbimenti elettrici. In realtà, non solo in Italia ma in tutta l’Europa gli edifici di nuova costruzione sono solo una minima parte della dotazione di immobili pubblica, che dove può preferisce ristrutturare edifici già esistenti. Senza contare che, nei bandi per la nuova costruzione di edifici, non si tiene in conto l’energia impiegata durante la costruzione dell’edificio stesso. Tutti punti che vanno a svantaggio della corretta applicazione della direttiva, soprattutto dal punto di vista degli intenti e della capacità di superare il sistema energivoro che caratterizza l’edilizia odierna.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 617 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Ecobonus: vademecum ENEA per interventi di domotica

L’Ecobonus autorizzato dalla recente Legge di Stabilità riguarda, oltre agli interventi per l’efficientamento energetico più classici, anche quelli basati sulla building automation, ovvero gli interventi di domotica che consentono di

Ambiente

Edifici scolastici: il 58% non è a norma

A un passo dall’inizio del nuovo anno scolastico, un’indagine del Miur che prende in considerazione i dati provenienti dall’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica sono circa il 58% del totale gli edifici scolastici

Ambiente

Bonifica amianto: detrazione anche delle spese di trasporto

Con la sua circolare n. 7/E del 27 aprile 2018, recentemente pubblicata in Gazzetta Ufficiale, l’Agenzia delle Entrate chiarisce quali siano le spese detraibili per quanto riguarda la bonifica dell’amianto.