Fondi infrastrutture e sicurezza ai piccoli comuni

Fondi infrastrutture e sicurezza ai piccoli comuni

La nuova Legge di Bilancio 2019 dà il via anche all’attuazione dello specifico decreto che sblocca un fondo di 400 milioni di euro per la realizzazione di infrastrutture e sicurezza per gli edifici. L’assegnazione delle risorse è immediata ed è dedicata ai comuni fino a 20mila abitanti. Il fondo è stanziato, secondo il comma 109 del decreto, solamente se i comuni cominciano i lavori entro il 15 maggio del 2019.

Sono ben 6.136 i comuni che hanno richiesto l’investimento per la messa in sicurezza dei propri edifici, e per ciascuno è presente anche l’importo assegnato. I progetti non hanno avuto una selezione qualitativa, bensì hanno avuto dei fondi secondo criteri quantitativi, ovvero tenendo conto solamente delle loro dimensioni. Gli appalti, solo per il 2019, possono essere assegnati con procedura negoziata senza bando e con invito di massimo tre imprese se i lavori sono compresi fra i 40 mila e i 150 mila euro: dal momento che la cifra più alta assegnata a ogni comune è 100 mila euro (per comuni compresi fra i 10.001 e i 20.000 abitanti), questa procedura potrà essere utilizzata per tutti i progetti approvati. Nel caso in cui i lavori non siano iniziati entro la scadenza dei termini previsti, il Ministero degli Interni prevede la revoca totale o parziale dei contributi assegnati.

Previous UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero
Next Gare telematiche e stop a sedute pubbliche

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

Appalti e nuovi livelli di progettazione: moratoria di sei mesi

Il decreto ministeriale riguardante le nuove regole relative ai livelli di progettazione si avvia all’approvazione definitiva. Per ora è stata predisposta una moratoria di sei mesi che consentirà di portare

Normative

Codice dei Contratti non conforme alle Direttive UE

Il nuovo Codice dei Contratti si scontra con le direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE e proprio per questo motivo la Commissione Europea ha inviato all’Italia delle lettere di costituzione in

Attualità

Classificazione dell’abuso edilizio

Grazie alla sentenza n. 1484 del 30 marzo 2017 è possibile avere un quadro più chiaro degli abusi edilizi, e di quando un abuso debba essere considerato totale, sostanziale o