In Italia 5 milioni di case fuori controllo

In Italia 5 milioni di case fuori controllo

Nel nostro Paese, secondo una recente stima effettuata dallo studio privato Sogeea dopo il terremoto di magnitudo 4 che ha messo ancora una volta in luce l’inadeguatezza dell’edilizia civile, ci sono almeno 5 milioni di case condonate, ma che i Comuni non hanno mai controllato. Le domande di condono si riferiscono agli anni che vanno dal 1985 fino ai primi anni duemila. Anche nelle zone sismiche solo in una piccola percentuale, corrispondente al 7,8%, un funzionario pubblico si occupa dei controlli sulla costruzione e sulla sua effettiva conformità alle norme.

Secondo la ricerca Sogeea inoltre sono più di 500mila gli edifici costruiti in zone in cui l’edilizia e la cementificazione sono completamente proibite come in zone costiere, sismiche o a forte rischio idrogeologico. Oltre al danno oggettivo, in cui ogni calamità naturale è una minaccia, il mancato lavoro sulle pratiche di condono e sulle sanatorie è anche un danno economico per l’erario pari a 21 miliardi di euro.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Multa UE all’Italia per le acque reflue

L’ultima stangata l’Italia l’ha ricevuta in questi giorni per il mancato rispetto delle normative europee riguardanti la gestione delle acque reflue. La multa per il momento ammonta a una cifra

Ambiente

Bonifica amianto: detrazione anche delle spese di trasporto

Con la sua circolare n. 7/E del 27 aprile 2018, recentemente pubblicata in Gazzetta Ufficiale, l’Agenzia delle Entrate chiarisce quali siano le spese detraibili per quanto riguarda la bonifica dell’amianto.

Ambiente

Da settembre comunicazione Enea per ristrutturazioni

Dal mese di settembre partirà quanto già scritto nella Legge di Bilancio 2018, ovvero l’obbligo di comunicare all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea)