Collegato Ambiente: un fondo per la demolizione di edifici abusivi
1787 Views

Collegato Ambiente: un fondo per la demolizione di edifici abusivi

In Italia le costruzioni abusive sono una vera e propria piaga sociale, soprattutto per il rischio idrogeologico e il rischio per la salute e la sicurezza dei cittadini connessi a questa pratica. Proprio per questo motivo il Collegato Ambiente, ovvero il nuovo testo di legge specifico entrato in vigore lo scorso 2 febbraio, mette a disposizione un fondo di 10 milioni di euro per l’abbattimento di immobili abusivi che sono stati costruiti in zone a rischio idrogeologico. Con la nuova normativa viene così in parte modificato il Testo Unico sull’edilizia n.380 del 2001.

Il governo centrale con questo fondo potrà così anticipare ai comuni italiani tutte le risorse necessarie per le operazioni di demolizione. Inoltre sono previsti ulteriori sgravi, sottoforma di un credito d’imposta pari al 50%, per le aziende che effettueranno delle bonifiche dall’amianto nei luoghi di lavoro. Il Collegato Ambiente ha individuato alcuni siti ad alto rischio in diverse province italiane fra cui Pescara, Roma, Palermo, Torino e Parma.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Nuove strategie per il dissesto idrogeologico

Il Ministero dell’Ambiente sta mettendo a punto una nuova strategia di intervento per il dissesto idrogeologico sul territorio nazionale che possa sostituire o supportare il Prestisto BEI. La Banca Europea

Ambiente

Sbloccato il Fondo per il dissesto idrogeologico

Il ministro dell’Ambiente ha recentemente sbloccato, con la firma sul relativo decreto, il Fondo governativo dedicato alla progettazione sul dissesto idrogeologico. Il fondo ammonta a 5 milioni e 700 mila

Ambiente

Il CNR istituisce il nuovo Osservatorio Siccità

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha recentemente istituito l’Osservatorio Siccità, già provvisto di un sito internet ufficiale, attraverso il quale tutti i cittadini potranno monitorare e conoscere le previsioni sull’andamento