In partenza il bando per le verifiche sismiche sui fabbricati

In partenza il bando per le verifiche sismiche sui fabbricati

Le nuove regole sulla stabilità degli edifici hanno accelerato la pubblicazione di un bando dedicato alle verifiche di vulnerabilità sismica su opere pubbliche e fabbricati. In particolare, sono previsti degli stanziamenti per le verifiche in sito, le indagini in laboratorio e il rilievo geometrico strutturale sul suolo, così come già previsto dal OPCM 3274/2003 e s.m.i. Ogni accordo quadro avrà una durata di 36 mesi e l’appaltatore dovrà ordinare le prestazioni dei professionisti nel settore delle verifiche con specifici contratti.

Ricoprirà una grande importanza la ricostruzione della stratigrafia del sottosuolo, che dovrà essere firmata da un geologo abilitato, così come sono previste delle firme anche per le verifiche tecniche in sito e in laboratorio a opera di un architetto, un ingegnere o un geologo abilitato. Gli incarichi riguardano nello specifico 29 lotti situati in diverse città italiane (Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trieste, Venezia e Verona) e la cifra stanziata complessivamente per i lavori è pari a 60 milioni di euro. L’ente appaltante è la Rete Italiana Ferroviaria SpA.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Nuova app Ispra per il consumo del suolo

L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Ispra ha recentemente sviluppato un’utile App per smartphone che consente a chiunque di verificare il consumo del suolo, pur senza far

Ambiente

Nuovi bonus per sostituire tetti in amianto

Il decreto Fer1 Grazie al nuovo decreto sulle energie rinnovabili (Decreto Fer1) sono stati stanziati 900 milioni di euro dedicati ad incentivare l’uso di fonti di energia rinnovabili. In particolare,

Ambiente

Nuovi bonus per le energie rinnovabili

Finalmente sono disponibili anche in Italia bonus e incentivi per fonti di energia pulita e rinnovabile differenti dal fotovoltaico, che fino a questo momento è stata l’unica energia pulita ad