0 1832 Views

Conto Termico per le Scuole

Gli incentivi per l’efficientamento energetico, previsti dal decreto ministeriale del 16/02/2016 entrati in vigore ufficialmente il 31 maggio sono disponibili non solo per le unità abitative private ma anche per gli istituiti scolastici situati sul territorio nazionale. Il così detto conto termico 2.0 renderà più semplici gli interventi per impianti di piccole dimensioni, alimentati con fonti di energia pulita e rinnovabile.

Il fondo ha un plafond totale di 900 milioni di euro, 200 milioni dei quali sono riservati specificatamente alla pubblica amministrazione, quindi anche per le scuole e per la realizzazione di impianti ad alta efficienza, che consentano anche di risparmiare sui consumi totali. A seconda della tipologia di intervento è possibile avere degli incentivi che vanno dal 40% fino al 100% delle spese sostenibili: per l’accesso diretto il Gestore dei Servizi Energetici GSE ha ideato nel suo sito ufficiale una sezione online chiamata Portaltermico in cui sono presenti i moduli da utilizzare per la richiesta di incentivo.

Previous Direttive europee: nuovo decreto per materiali da costruzioni entro marzo
Next Al SAIE il punto sulle ultime soluzioni dell’antisismica

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Rischio alluvione sul 91% dei comuni italiani

Non sono rassicuranti gli ultimi dati diffusi dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale per quanto riguarda il rischio alluvioni nel nostro Paese. Il dossier infatti rivela che

Ambiente

Il Demanio lancia il portale EnTer

L’Agenzia del Demanio ha ideato una piattaforma digitale per supportare e promuovere la valorizzazione immobiliare di beni di proprietà degli enti pubblici. La nuova rete informatica infatti raccoglierà quante più

Ambiente

Otto nuovi inceneritori: via libera anche in Gazzetta Ufficiale

L’accensione di otto nuovi inceneritori in diverse regioni italiane (Umbria, Marche, Lazio, Campania, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna) è ormai alle porte, nonostante il no dei comitati ambientali territoriali infatti