Conto Termico per le Scuole

Conto Termico per le Scuole

Gli incentivi per l’efficientamento energetico, previsti dal decreto ministeriale del 16/02/2016 entrati in vigore ufficialmente il 31 maggio sono disponibili non solo per le unità abitative private ma anche per gli istituiti scolastici situati sul territorio nazionale. Il così detto conto termico 2.0 renderà più semplici gli interventi per impianti di piccole dimensioni, alimentati con fonti di energia pulita e rinnovabile.

Il fondo ha un plafond totale di 900 milioni di euro, 200 milioni dei quali sono riservati specificatamente alla pubblica amministrazione, quindi anche per le scuole e per la realizzazione di impianti ad alta efficienza, che consentano anche di risparmiare sui consumi totali. A seconda della tipologia di intervento è possibile avere degli incentivi che vanno dal 40% fino al 100% delle spese sostenibili: per l’accesso diretto il Gestore dei Servizi Energetici GSE ha ideato nel suo sito ufficiale una sezione online chiamata Portaltermico in cui sono presenti i moduli da utilizzare per la richiesta di incentivo.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 624 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Conferenza di Vienna sulle acque

Si è appena conclusa l’importante Conferenza di Vienna sulle acque, uno dei più importanti strumenti giuridici dell’Unione Europea per discutere sulle strategie ambientali per proteggere mari, fiumi e laghi d’Europa.

Ambiente

Multa UE all’Italia per le acque reflue

L’ultima stangata l’Italia l’ha ricevuta in questi giorni per il mancato rispetto delle normative europee riguardanti la gestione delle acque reflue. La multa per il momento ammonta a una cifra

Ambiente

Mobilità sostenibile: al via il fondo di 35 milioni di euro

Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha posto la sua firma sul decreto per la mobilità sostenibile, un fondo previsto dal Collegato Ambiente che consente di sbloccare un fondo pari