Direttive europee: nuovo decreto per materiali da costruzioni entro marzo

Direttive europee: nuovo decreto per materiali da costruzioni entro marzo

Il Governo italiano, secondo quando previsto dal regolamento UE n. 305/2011 dovrà adeguarsi alle nuove norme sui materiali da costruzioni entro il 15 marzo del 2017. In particolare la norma europea prevede che ogni stato membro fissi delle regole per la libera circolazione dei materiali da costruzione e che ogni prodotto riporti le informazioni approfondite sulle prestazioni. Il Governo italiano si sta già attivando per costituire un Comitato nazionale di coordinamento e un Organismo nazionale per la valutazione tecnica europea (ITAB) per assicurare che la norma venga rispettata per tutti i materiali da costruzione disponibili.

Le caratteristiche richieste ai materiali da costruzione affinche siano conformi alle nuove norme sulla sicurezza sono: resistenza meccanica, stabilità, sicurezza in caso di incendio, sicurezza nell’uso del materiale durante le fasi di utilizzo, accessibilità, protezione contro il rumore e risparmio energetico. Saranno previste anche delle sanzioni sia amministrative che penali per uso di materiali non conformi alla nuova direttiva.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 541 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Crollo del ponte Morandi, il peso di una tragedia annunciata

Il crollo del ponte Morandi sul torrente Polcevera nella tragica mattina del 14 agosto sui binari e sui palazzi sottostanti è uno dei più immani disastri che ha colpito il

Attualità

Nuovo Codice Appalti: problematiche e ritardi del piano anti-dissesto

Il Nuovo Codice Appalti sta causando ritardi e problematiche non previste, l’ultimo allarme relativo al decreto legislativo 50/2016 è legato al piano anti-dissesto, infatti su 31 grandi appalti previsti, solo

Attualità

Master di II livello in Rigenerazione Urbana a Parma

L’Università di Parma, e in particolare il Dipartimento di ingegneria civile, ambiente, territorio e architettura (in collaborazione con la Escuela Técnica Superior de Ingenieros de Caminos Canales y Puertos dell’Universidad