Nuove regole per il Mepa
1642 Views

Nuove regole per il Mepa

Il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione gestita da Consip per il Ministero dell’Economia avrà dal 23 giugno nuove regole che permetteranno l’ingresso di sempre più imprese, in particolare per appalti pubblici e di manutenzione inferiori a un milione di euro. Grazie alle nuove regole le imprese iscritte nella lista ufficiale MEPA potranno essere invitate alla presentazione del progetto direttamente dalla stazione appaltante, sia essa un comune, una provincia o un qualsiasi ente pubblico sul territorio nazionale.

Nuove interessanti regole riguardano anche le start up, infatti da ora le imprese potranno iscriversi alla lista anche con un fatturato annuo inferiore ai 25 mila euro, un limite che fino ad ora ha precluso la possibilità d’iscrizione alla micro imprenditorialità, un settore abbastanza fiorente in Italia, soprattutto per quanto riguarda le aziende “giovani” costituite da pochi anni, che non avevano finora accesso al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Approvata la SCIA 2

Il decreto noto come SCIA 2, che regolamenta fra l’altro le attività di edilizia privata che saranno soggette ad assenso pubblico, da ieri è diventata legge. Il Governo ha infatti

Attualità

Concessioni di servizi nel nuovo D.lgs. 50/2016

Prima della pubblicazione del nuovo decreto legislativo 50/2016, che accoglie le direttive europee su appalti e contratti pubblici, un concessionario di servizi era scelto tramite concertazione di almeno cinque operatori

Attualità

Patto per Napoli: l’accordo fra il sindaco De Magistris e Renzi per edilizia e trasporti

Il premier Renzi e il primo cittadino della città partenopea De Magistris hanno firmato il 13 ottobre l’accordo “Patto per Napoli”, che prevede investimenti pari a 308 milioni di euro