Nuove regole per il Mepa

Nuove regole per il Mepa

Il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione gestita da Consip per il Ministero dell’Economia avrà dal 23 giugno nuove regole che permetteranno l’ingresso di sempre più imprese, in particolare per appalti pubblici e di manutenzione inferiori a un milione di euro. Grazie alle nuove regole le imprese iscritte nella lista ufficiale MEPA potranno essere invitate alla presentazione del progetto direttamente dalla stazione appaltante, sia essa un comune, una provincia o un qualsiasi ente pubblico sul territorio nazionale.

Nuove interessanti regole riguardano anche le start up, infatti da ora le imprese potranno iscriversi alla lista anche con un fatturato annuo inferiore ai 25 mila euro, un limite che fino ad ora ha precluso la possibilità d’iscrizione alla micro imprenditorialità, un settore abbastanza fiorente in Italia, soprattutto per quanto riguarda le aziende “giovani” costituite da pochi anni, che non avevano finora accesso al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 538 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Post-sisma: Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea

L’Unione Europea ha aperto un fondo di solidarietà destinato alla ricostruzione dopo i recenti terremoti che hanno colpito il centro Italia. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a 30 milioni

Attualità

Emilia Romagna: la Giunta Regionale approva il nuovo Testo Unico sulla legalità

La giunta regionale dell’Emilia Romagna ha approvato il nuovo Testo unico sulla legalità, che disciplina e riunisce misure contro la criminalità e corruzione, oltre che avere un apparato di protezione

Attualità

Nuovi obblighi per la contabilizzazione del calore

Il Dlgs 102/14 impone per i condomini la contabilizzazione del calore diretta, ovvero deve essere installato un contatore per ogni unità abitativa: questo per recepire la direttiva europea 27/2012/EU che