Mancano 6 mesi per usufruire dei bonus della Legge di Stabilità 2016

Mancano 6 mesi per usufruire dei bonus della Legge di Stabilità 2016

Sono già trascorsi sei mesi dalla pubblicazione della nuova legge di Stabilità che ha permesso di ottenere sgravi fiscali fra il 50% e il 65% per opere di ristrutturazione, riqualificazione energetica e antisismica per gli edifici pubblici o privati. Sono tanti gli italiani che hanno deciso di effettuare dei lavori proprio per gli incentivi governativi che hanno avuto il merito di far ripartire un settore, come quello delle costruzioni, già da tempo in balìa della crisi.

Fino al 31 dicembre 2016 si potrà usufruire ancora degli incentivi, in particolare per la riqualificazione energetica, cui viene riconosciuto uno sgravio fiscale IRPEF/IRES nella misura del 65% non solo ai soggetti privati ma anche agli imprenditori per lavori eseguiti in edifici e fabbricati utilizzati durante le attività lavorative e aziendali. La riqualificazione riguarda diverse tipologie di impianti fra cui l’installazione dei pannelli fotovoltaici, cui si applica lo sgravio per spese di importo massimo di 60 mila euro.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

SCIA edilizia, confronto fra Governo e Regioni

Le norme regionali riguardanti la SCIA edilizia non possono essere troppo differenti dalle direttive del governo centrale: questo è il punto per cui il Consiglio dei Ministri ha impugnato davanti

Attualità

E-Fattura: 6 mesi di tolleranza

La nuova normativa sulla fatturazione elettronica, che verrà meglio esplicata entro questa settimana, prevede l’entrata in vigore entro il 1° gennaio 2019. Tuttavia sarà disposto un periodo di assestamento e

Attualità

In Italia 10 mila ponti da revisionare

Secondo Antonio Occhiuzzi, il direttore dell’Instituto per le Tecnologie della Costruzione e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nel nostro Paese ci sono ben 10 mila ponto “scaduti” ovvero che avrebbero