La famosa passerella di Christo sul lago sarà riciclata

La famosa passerella di Christo sul lago sarà riciclata

La famosa installazione opera dell’artista bulgaro Christo che tanto ha affascinato gli abitanti e i turisti che hanno potuto “camminare sulle acque” sul lago d’Iseo è stata smantellata il 3 luglio, infatti è ben noto che la passeggiata è un’opera temporanea. I materiali di cui è costituita però saranno riutilizzati in un’ottica di riciclo e riuso responsabile: plastica, cemento, tessuto e metallo che hanno reso così spettacolare il “floating piers” verranno imballati e destinati ad altri usi. Dell’opera non resterà traccia, almeno dal punto di vista della realtà: continuerà invece a vivere sul world wide web.

Su Google Street View sarà possibile però continuare a passeggiare sul lago, almeno virtualmente, dal momento che i tecnici dell’azienda internet più nota del mondo hanno immortalato l’installazione con speciali camere a spalla e si preparano a tracciarne il percorso nelle mappe virtuali della piattaforma Google.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Approvata l’autorizzazione paesaggistica semplificata

Già annunciata nei giorni scorsi, è finalmente entrato in vigore e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il nuovo regolamento sull’autorizzazione paesaggistica semplificata, che contiene, oltre ai casi idonei alla semplificazione burocratica,

Ambiente

Nel 2018 rinnovabili al 50% del fabbisogno

Una delle più grandi novità a favore dell’ambiente nel 2018 sarà l’obbligo, per gli edifici di nuova costruzione, di avere degli impianti che rispondano a esigenze di risparmio energetico e

Ambiente

Multa UE all’Italia per le acque reflue

L’ultima stangata l’Italia l’ha ricevuta in questi giorni per il mancato rispetto delle normative europee riguardanti la gestione delle acque reflue. La multa per il momento ammonta a una cifra