Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Il Comitato Termotecnico Italiano ha reso pubbliche le linee guida che riguardano la pulizia delle canne fumarie, attraverso la norma UNI 10847:2017. Il documento riguarda in particolare le canne fumarie installate in generatori e impianti a conbustibile solido o liquido. Il regolamento, dal titolo “Pulizia di sistemi fumari per generatori e apparecchi alimentati con combustibili liquidi e solidi – Linee guida e procedure”. Le linee guida riguardano oltre la pulizia anche la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti.

L’Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini sta aggiornando in questi giorni un calendario per corsi di aggiornamento e formazione dedicati ai professionisti nel settore, basato sulle nuove linee guida della norma UNI 10847:2017, che va a sostituire la precedente norma UNI 10847:2000. I corsi saranno dedicati anche a chi si occupa di manutenzione di apparecchi a biomasse e non, a installatori e rivenditori.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 606 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Proroga Bonus acquisto case ad alta efficienza

Arriva dal Governo un importante segnale per il settore immobiliare, sarà infatti attivo per tutto il 2017 il Bonus che consente di risparmiare fino al 50% sull’acquisto di una casa

Ambiente

Impianto fototermico escluso dall’ecobonus

Il bonus dedicato alla riqualificazione energetica degli edifici esclude gli impianti fototermici, ovvero i sistemi per il recupero dell’energia in eccesso sviluppata da impianti fotovoltaici. L’esclusione è messa nero su

Ambiente

Sgravi riqualificazione energetica

Verifiche Enea su accesso bonus riqualificazione energetica Cominciano i controlli a campione dell’Enea per verificare la sussistenza delle condizioni di accesso per chi ha richiesto gli incentivi statali per la