Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Il Comitato Termotecnico Italiano ha reso pubbliche le linee guida che riguardano la pulizia delle canne fumarie, attraverso la norma UNI 10847:2017. Il documento riguarda in particolare le canne fumarie installate in generatori e impianti a conbustibile solido o liquido. Il regolamento, dal titolo “Pulizia di sistemi fumari per generatori e apparecchi alimentati con combustibili liquidi e solidi – Linee guida e procedure”. Le linee guida riguardano oltre la pulizia anche la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti.

L’Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini sta aggiornando in questi giorni un calendario per corsi di aggiornamento e formazione dedicati ai professionisti nel settore, basato sulle nuove linee guida della norma UNI 10847:2017, che va a sostituire la precedente norma UNI 10847:2000. I corsi saranno dedicati anche a chi si occupa di manutenzione di apparecchi a biomasse e non, a installatori e rivenditori.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

In Italia 5 milioni di case fuori controllo

Nel nostro Paese, secondo una recente stima effettuata dallo studio privato Sogeea dopo il terremoto di magnitudo 4 che ha messo ancora una volta in luce l’inadeguatezza dell’edilizia civile, ci

Ambiente

Dalla manifestazione Restructura 2016 segnali positivi nel settore ristrutturazioni

All’ultimo appuntamento Restructura, evento dedicato al mondo delle ristrutturazioni edili che si è svolto a Torino a fine novembre, si è parlato anche dell’andamento positivo del settore della ristrutturazione. Secondo gli

Ambiente

Nuova app Ispra per il consumo del suolo

L’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Ispra ha recentemente sviluppato un’utile App per smartphone che consente a chiunque di verificare il consumo del suolo, pur senza far