Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Il Comitato Termotecnico Italiano ha reso pubbliche le linee guida che riguardano la pulizia delle canne fumarie, attraverso la norma UNI 10847:2017. Il documento riguarda in particolare le canne fumarie installate in generatori e impianti a conbustibile solido o liquido. Il regolamento, dal titolo “Pulizia di sistemi fumari per generatori e apparecchi alimentati con combustibili liquidi e solidi – Linee guida e procedure”. Le linee guida riguardano oltre la pulizia anche la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti.

L’Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini sta aggiornando in questi giorni un calendario per corsi di aggiornamento e formazione dedicati ai professionisti nel settore, basato sulle nuove linee guida della norma UNI 10847:2017, che va a sostituire la precedente norma UNI 10847:2000. I corsi saranno dedicati anche a chi si occupa di manutenzione di apparecchi a biomasse e non, a installatori e rivenditori.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 557 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Nuove strategie per il dissesto idrogeologico

Il Ministero dell’Ambiente sta mettendo a punto una nuova strategia di intervento per il dissesto idrogeologico sul territorio nazionale che possa sostituire o supportare il Prestisto BEI. La Banca Europea

Ambiente

GSE: online il catalogo impianti di riscaldamento

Il Gestore dei Servizi Energetici nazionale ha appena reso disponibile un catalogo completo in cui poter trovare tutti gli apparecchi domestici per il riscaldamento che possono beneficiare dei bonus e

Ambiente

Edifici scolastici: il 58% non è a norma

A un passo dall’inizio del nuovo anno scolastico, un’indagine del Miur che prende in considerazione i dati provenienti dall’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica sono circa il 58% del totale gli edifici scolastici