Albo Periti Industriali: Polizza RC gratuita

Albo Periti Industriali: Polizza RC gratuita

Buone nuove per i professionisti periti industriali che si iscrivono all’Albo per la prima volta nel 2017: avranno infatti diritto gratuitamente alla polizza RC per la responsabilità civile per danni causati durante l’esercizio della loro  professione. I costi per l’apertura delle polizze durante il primo anno sono infatti pagati dal Consiglio Nazionale dei Periti Industriali.

Secondo il CNPI la polizza gratuita rispetta tutte le clausole, i diritti e i doveri inclusi nella nuova legge nazionale sulla concorrenza. I neoiscritti hanno la polizza gratuita per il primo anno di iscrizione all’albo, per tutti gli altri professionisti la stipula della polizza RC è obbligatoria. Nel decreto sulla concorrenza è contenuto anche un passaggio relativo al periodo di ultrattività delle polizze RC, per la copertura di danni e le richieste di risarcimento presentate entro dieci anni dalla stipula del contratto con il professionista.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 621 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

L’Anac potrà impugnare contratti illegittimi

Attraverso il suo presidente Raffaele Cantone, l’Anac fa sapere che potrà da ora in avanti impugnare gli atti di gara che sospetti illegittimi o sospetti davanti ai Giudici direttamente in

Lavoro

Sgravi fiscali: quote rosa e “over 50”

Recentemente è stato firmato il decreto che assicura alle aziende sgravi fiscali fino al 50% per l’assunzione di forza lavoro femminile in tutti quei settori in cui esiste forte disparità

Lavoro

Bim: Agenzia del Demanio e collaborazione con Atenei

L’Agenzia del Demanio ha recentemente avviato una collaborazione con tre importanti atenei italiani (il Politecnico di Milano, la Sapienza di Roma e la Federico II di Napoli) per valorizzare il