Nuovo regime forfettario 2019

Nuovo regime forfettario 2019

Già in vigore dal 1° gennaio 2019, il nuovo regime forfettario per professionisti e partite IVA, previsto dalla Legge di Stabilità, prevede che possa accedere al regime agevolato chi non ha superato nell’anno precedente la soglia di ricavi o compensi pari a 65 mila euro. In questo caso l’imposta sostitutiva si attesta al 15%, mentre per nuove partite iva e start up il valore scende fino al 5%. Per quanto riguarda poi la categoria dei commercianti e degli artigiani, il nuovo regime consente di ottenere fino al 35% di riduzione per i contributi dovuti all’Inps.

Non tutti i contribuenti possono richiedere l’accesso al nuovo regime forfettario, che è riservato a chi non si avvale di regimi speciali ai fini dell’imposta sul valore aggiunto o di regimi forfetari di determinazione del reddito, ai residenti in uno Stato UE o Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo, purché producano almeno il 75% del reddito complessivo in Italia o chi non svolge con PI un’attività che sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro. Prima di richiedere l’ingresso nel nuovo regime è bene avvalersi di una consulenza con un commercialista perché il nuovo regime esclude le deduzioni e le detrazioni fiscali applicabili nel regime ordinario di tassazione.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 624 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

Bim: Agenzia del Demanio e collaborazione con Atenei

L’Agenzia del Demanio ha recentemente avviato una collaborazione con tre importanti atenei italiani (il Politecnico di Milano, la Sapienza di Roma e la Federico II di Napoli) per valorizzare il

Lavoro

Nuove regole per l’aggiornamento professionale degli Architetti

Gli architetti iscritti all’Ordine dovranno ottenere 60 crediti formativi ogni tre anni per poter essere in regola con gli l’aggiornamento continuo richiesto dalla professione. Nello specifico, dodici dei crediti previsti

Lavoro

Malattia anche per chi è iscritto a gestione separata

Da sempre i lavoratori parasubordinati e iscritti alla gestione separata Inps lamentano una disparità di trattamento rispetto a chi gode di un contratto subordinato regolare. Secondo l’Inps, anche questa tipologia