Nasce ufficialmente la nuova figura professionale di Tecnico Acustico

Nasce ufficialmente la nuova figura professionale di Tecnico Acustico

La bozza della normativa che disciplina la nuova figura professionale di Tecnico Acustico, che si occupa sia di acustica in senso lato che di inquinamento acustico è stata recentemente approvata dal Consiglio dei Ministri e presto diventerà ufficiale a tutti gli effetti. La bozza mette in attuazione la legge delega specifica (n. 161/2014) e chiarisce quali siano i titoli di studio che deve avere una figura professionale di questo tipo. In particolare, oltre alla laurea in materie scientifiche, è necessario aver frequentato un Master universitario che abbia almeno 3 crediti in acustica, oppure un corso di acustica da 12 crediti, o avere un titolo di dottore di ricerca in materie acustiche.

Grazie al decreto la professione sarà maggiormente qualificata, sarà infatti predisposto un elenco nazionale dei tecnici competenti in acustica, che allo stato attuale non sono riuniti in Albo professionale o Collegi.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 522 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Nasce l’Osservatorio nazionale sui servizi di architettura e ingegneria

Il 2017 vede la nascita di un nuovo importante istituto per vigilare sui bandi di progettazione e aiutare le Pubbliche Amministrazioni a redigere in maniera corretta i documenti di gara

Lavoro

Come ottenere l’esenzione IMU per terreni agricoli

Con la risoluzione n. 1/DF del 28 febbraio 2018 si mette in luce e si chiariscono i punti più oscuri su chi sia beneficiario dell’esenzione IMU sui terreni agricoli, e

Normative

Nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate su consultazioni catastali

Fin dal 2014 i privati proprietari degli immobili su cui si richiede consultazione catastale o ipotecaria possono accedere gratuitamente alla banca dati specifica ma l’Agenzia delle Entrate ha recentemente pubblicato