Manovra Finanziaria 2018: i grandi esclusi
1305 Views

Manovra Finanziaria 2018: i grandi esclusi

La Manovra Finanziaria 2018 porta con sé alcune differenze rispetto ai bonus presenti in quella dell’anno in corso, come per esempio qualche aggiustamento per difetto dell’Ecobonus per quanto riguarda la sostituzione degli infissi, con percentuale di sgravio fiscale che scende dal 75% al 50%, così come scendono allo stesso livello percentuale anche le schermature solari e gli impianti di riscaldamento a biomassa e le caldaie a condensazione.
Il bonus Mobili è stato invece depennato dalla nuova manovra, rimane comunque valido lo sgravio del 50% della spesa sostenuta, fino a 10 mila euro, sui mobili e gli arredi acquistati in un contesto di ristrutturazione prima del 1° gennaio 2018, data che segna la deadline della vecchia Finanziaria 2017. In questi anni proprio il bonus mobili è stato volano per la ripresa del settore degli arredi interni, con crescite del 2,5% e dell’1,5% negli ultimi due anni in cui il Governo ha mantenuto questo bonus nelle voci della manovra. Grande assente nella bozza della nuova Finanziaria 2018 anche il Bonus Verde, tuttavia il Governo fa sapere tramite i suoi portavoce che verrà ripristinato nel documento definitivo.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Amministrazioni: normativa di accesso qualificazione Anac

L’accesso alla qualificazione Anac nel settore appalti è regolato dall’ultima modifica all’articolo 38 del codice appalti con un nuovo articolo 24, entrato in vigore lo scorso 20 maggio e operativo

Normative

Nuova legge sul preventivo obbligatorio

Con il DDL Concorrenza, che ha visto recentemente la luce dopo ben 30 mesi di discussione alla Camera e al Senato, il nostro Paese ha per la prima volta una

Normative

La web tax è ancora in sospeso

Secondo la normativa europea, l’Italia avrebbe dovuto adeguarsi all’obbligo di web tax per le transazioni digitali entro il 30 aprile 2018 ma nella realtà dei fatti il decreto attuativo della