Post-terremoto: partono a marzo i primi appalti Anas

Post-terremoto: partono a marzo i primi appalti Anas

L’Anas ha predisposto i primi appalti per la ricostruzione delle strade danneggiate dagli ultimi eventi sismici che hanno colpito il centro Italia, che saranno disponibili a partire dal mese di marzo. Finora l’importo stanziato per la ricostruzione e la messa in sicurezza è pari a 389 milioni di euro e gli  interventi previsti sono 408 per il ripristino: Governo e Protezione Civile sono d’accordo sull’imperativo che dovrà guidare gli interventi, è necessario fare presto per permettere agli abitanti delle zone colpite di tornare il prima possibile a una situazione di normalità.

La maggior parte degli interventi saranno con ampie deroghe rispetto al Codice Appalti, affidati con procedura negoziata senza bando e con tempi di esecuzione ridotti per una messa in sicurezza più rapida, così come previsto dall’Ordinanza di protezione civile 394 del 19 settembre 2016. Gli appalti saranno dunque affidati alle Imprese iscritte nell’Albo dei fornitori Anas, che invita le imprese non ancora inserite nell’albo ma aventi i requisiti a effettuare l’iscrizione.

Previous Meci la fiera dell’Edilizia civile e industriale
Next Nasce ufficialmente la nuova figura professionale di Tecnico Acustico

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Responsabilità precontrattuale della PA per clausole ambigue

L’Adunanza Plenaria (il massimo organo di Giustizia Amministrativa) ha decretato che le stazioni appaltanti che nei loro bandi hanno delle clausole considerate ambigue e che in questo modo possono condurre

Attualità

Cassa Edile: al via il contributo di 35 euro per anzianità professionale

Dal mese di maggio è in vigore la nuova normativa che impone un minimale per anzianità professionale APE per chi lavora nel settore edile pari a 35 euro. L’accordo nazionale

Normative

Modifica regole IMU per capannoni e imbullonati

Buone notizie per i possessori di edifici di categoria D ed E. Con le nuove normative recentemente approvate dalla Legge di Stabilità 2016 infatti saranno esclusi dal conteggio IMU sulla