Nel 2018 lo Spesometro tornerà all’invio annuale

Nel 2018 lo Spesometro tornerà all’invio annuale

Se nel 2017 lo spesometro ha imposto a professionisti e consulenti del lavoro più invii della documentazione fiscale durante l’anno, il 2018 segnerà il ritorno a un unico invio annuale. In particolare avranno una trasmissione cumulativa le fatture con importi inferiori ai 300 euro. Le novità legislative sono ancora al vaglio della Commissione Finanze Governativa, che tuttavia ha già espresso parere favorevole sulle modifiche. Questo significa che le modalità di invio telematico dei dati per lo Spesometro verrà sicuramente inserita come correttivo nella Manovra Fiscale 2018.
Lo spesometro semestrale testato nel 2017 infatti ha dato diversi problemi a imprese e professionisti per i dati riguardanti le fatture emesse e quelle ricevute. Fra le tante novità, la discussione governativa ha portato avanti anche la necessità di un ulteriore passo verso la digitalizzazione della documentazione fiscale con l’e-fattura e i pagamenti telematici. La semplificazione dello Spesometro si inserisce in un’ottica di miglioramento ed efficientamento degli obblighi fiscali.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Patto per Napoli: l’accordo fra il sindaco De Magistris e Renzi per edilizia e trasporti

Il premier Renzi e il primo cittadino della città partenopea De Magistris hanno firmato il 13 ottobre l’accordo “Patto per Napoli”, che prevede investimenti pari a 308 milioni di euro

Attualità

Consiglio Nazionale Ingegneri: tre professionisti su quattro rischiano la sospensione della qualifica antincendio

Secondo gli ultimi dati diffusi con una nota dal Consiglio degli Ingegneri sono tantissimi i professionisti che rischiano la cancellazione dall’elenco per esercitare la verifica antincendio necessaria per legge nei

Attualità

Direttive europee: nuovo decreto per materiali da costruzioni entro marzo

Il Governo italiano, secondo quando previsto dal regolamento UE n. 305/2011 dovrà adeguarsi alle nuove norme sui materiali da costruzioni entro il 15 marzo del 2017. In particolare la norma