L’Ance ha un nuovo direttore generale

L’Ance ha un nuovo direttore generale

Il 13 dicembre il presidente uscente dell’Ance, Gabriele Buia, ha proposto la nomina di Massimiliano Musmeci come suo successore, un nome che ha ottenuto i voti di tutti i membri dell’Assemblea. Dunque l’Associazione Nazionale Costruttori Edili comincia un nuovo corso sotto la direzione generale di Massimiliano Musmeci. Nato a La Spezia nel 1963, ha una lunga carriera nel mondo dell’associazionismo e dell’imprenditoria nazionale.
La sua elezione si deve ascrivere alla necessità di assetto dei vertici Ance che è già cominciata con l’elezione di Buia lo scorso 15 novembre. Le mansioni del nuovo direttore generale saranno operative a partire dal mese di febbraio del 2018, in questi mesi infatti si vivrà un periodo di transizione verso la nuova presidenza in cui verranno espletate più che altro le funzioni ordinarie della direzione generale che, ricordiamo, assicura rappresentanza sindacale, economica e istituzionale alle aziende che si occupano di edilizia e costruzioni.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 606 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Proroga del bonus ristrutturazioni e riqualificazione energetica

Il Governo italiano, per venire incontro alle direttive europee sulla gestione del settore edile che tenga conto della necessità di migliorare le condizioni generali del suolo e della riduzione di

Attualità

Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Nel più ampio panorama della riconversione a fonti di energia rinnovabile e della de-carbonizzazione, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato la bozza di decreto che prevede interessanti incentivi

Attualità

Mutui e tutela del consumatore: 7 giorni per scegliere

Il governo ha attuato grazie a una legge delega la direttiva comunitaria 2014/2017/UE relativa ai contratti di mutuo per i beni immobili residenziali. La direttiva europea salvaguarda e tutela il