L’Ance ha un nuovo direttore generale

L’Ance ha un nuovo direttore generale

Il 13 dicembre il presidente uscente dell’Ance, Gabriele Buia, ha proposto la nomina di Massimiliano Musmeci come suo successore, un nome che ha ottenuto i voti di tutti i membri dell’Assemblea. Dunque l’Associazione Nazionale Costruttori Edili comincia un nuovo corso sotto la direzione generale di Massimiliano Musmeci. Nato a La Spezia nel 1963, ha una lunga carriera nel mondo dell’associazionismo e dell’imprenditoria nazionale.
La sua elezione si deve ascrivere alla necessità di assetto dei vertici Ance che è già cominciata con l’elezione di Buia lo scorso 15 novembre. Le mansioni del nuovo direttore generale saranno operative a partire dal mese di febbraio del 2018, in questi mesi infatti si vivrà un periodo di transizione verso la nuova presidenza in cui verranno espletate più che altro le funzioni ordinarie della direzione generale che, ricordiamo, assicura rappresentanza sindacale, economica e istituzionale alle aziende che si occupano di edilizia e costruzioni.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

In Italia 10 mila ponti da revisionare

Secondo Antonio Occhiuzzi, il direttore dell’Instituto per le Tecnologie della Costruzione e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nel nostro Paese ci sono ben 10 mila ponto “scaduti” ovvero che avrebbero

Attualità

Nuovo sito web sui rischi naturali

L’Istat, in collaborazione con il progetto governativo Casa Italia, ha presentato ufficialmente una nuova sezione del suo portale web interamente dedicata all’argomento dei rischi naturali in Italia. Fra i tanti

Attualità

Eliminata l’autorizzazione paesaggistica per piccoli interventi

Privati e imprenditori potranno ridurre i tempi grazie alle novità introdotte dalla Riforma Madia, che elimina l’obbligo di autorizzazione paesaggistica per tutta una serie di lavori che non alternano l’aspetto