Il portale per richiedere l’ecobonus è online

Il portale per richiedere l’ecobonus è online

Da questa settimana è finalmente online il portale dedicato all’invio dei dati per le detrazioni fiscali che rientrano nell’ecobonus, quindi ristrutturazioni edili per l’efficientamento energetico o l’installazione di impianti a energia rinnovabile e pulita. Il portale, predisposto dall’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) in collaborazione con il MiSE si trova all’indirizzo web finanziaria2018.enea.it e può essere utilizzato per lavori conclusi dopo il 31 dicembre 2017. L’invio dovrà essere predisposto entro 90 giorni dall’ultimazione dei lavori, mentre per i lavori che già sono stati conclusi i 90 giorni partono dal giorno in cui il sito è stato messo online, ovvero il 21 novembre 2018.

Gli interventi che rientrano nell’ecobonus possono godere di detrazioni fiscali fino all’85% dei costi sostenuti. La parte relativa alla “scheda descrittiva dell’intervento” deve essere firmata anche da un tecnico solo nei casi previsti, ovvero quelli in cui è prevista l’asseverazione. Sul sito ENEA sono presenti diverse linee guida e ulteriori informazioni sugli interventi che rientrano nell’ecobonus.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 606 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

L’Agenzia delle Entrate e i nuovi modelli fiscali

Sono già pronti e disponibili nel sito dell’Agenzia delle Entrate i nuovi modelli 2019 per il 730 – Dichiarazione dei redditi, modello Unico, Iva, Iva 74 bis, 770 e Cupe.

Attualità

Decreto anticorruzione: sanzioni quinquennali

Il nuovo governo ha recentemente modificato la disciplina sui reati di corruzione effettuati dalle imprese. Se con il precedente decreto legislativo n. 231 del 2001 le misure interdittive per le

Attualità

Nuovo codice appalti: l’Anac lancia l’allarme da caos bandi

Il nuovo codice appalti in vigore in Italia dal 18 aprile, che recepisce le direttive europee sul settore edile n. 23, 24 e 25 del 2015, contiene anche delle nuove