Nuove regole flax tax
556 Views

Nuove regole flax tax

La nuova normativa dispone che a partire dal 2020 gli imprenditori e i professionisti con partita iva che abbiano registrato ricavi o compensi compresi fra i 65mila e i 100mila euro nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta precedente quello di presentazione possano scegliere di pagare una flax tax dedicata, ovvero un’imposta sostitutiva standard pari al 20% invece che affidarsi alla tassazione ordinaria. L’imposta in pratica sostituisce Irpef, addizionali e Irap.

La nuova flax tax è infatti stata introdotta di recente con la nuova Legge di Bilancio 2019 ed è dedicata soltanto a coloro che non rientrano nel regime forfettario introdotto con la legge 190/2014. Per chiunque svolga più attività inoltre il calcolo è svolto sulla somma dei ricavi e dei compensi di tutte le attività esercitate. La flax tax fino a 100mila euro può essere applicata unicamente a contribuenti residenti sul territorio italiano, in uno dei Paesi membri UE o comunque in uno Stato sul cui territorio vale l’Accordo sullo spazio economico europeo che consente un adeguato scambio di informazioni con il fisco italiano e purché il 75% del reddito sia prodotto in Italia.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Annullamento Durc negativo se l’errore è dell’Inps

In un importante incontro fra il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro e i vertici Inps si è stabilito che nei casi in cui sia stabilito un errore da

Attualità

No al Project Financing per il Trasporto Pubblico locale

L’Anac, con la specifica delibera n. 566 del 31 maggio 2017, ha dichiarato illegittimo l’utilizzo dello strumento del project financing per quanto riguarda i bandi di concessione dei servizi di

Attualità

Testo Unico Appalti al via dal 18 aprile

Dopo una lunga serie di revisioni e nuove norme, il 18 aprile entra finalmente in vigore , pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale, il nuovo Testo Unico sugli Appalti. Il nuovo codice