L’Agenzia delle Entrate e i nuovi modelli fiscali

L’Agenzia delle Entrate e i nuovi modelli fiscali

Sono già pronti e disponibili nel sito dell’Agenzia delle Entrate i nuovi modelli 2019 per il 730 – Dichiarazione dei redditi, modello Unico, Iva, Iva 74 bis, 770 e Cupe. Tutti i modelli sono inoltre forniti di indicazioni sulla corretta compilazione. In una nota dell’AdE si apprende che saranno diversi gli sgravi fiscali e le detrazioni dei nuovi modelli 2019 che non erano presenti negli anni precedenti, fra cui le detrazioni dedicate agli abbonamenti per i mezzi pubblici come anche le assicurazioni fatte sugli immobili per calamità naturali o per danni causati da eventi calamitosi. Altre detrazioni sono disponibili per visite e ausili per i disturbi dell’apprendimento nei minori e per la sistemazione di aree verdi private o condominiali.

In relazione al modello IVA, nel 2019 sarà disponibile nel documento da compilare un rigo (il VA16) dedicato ai soggetti che partecipano a un Gruppo IVA (art. 70 bis), che dovrà essere barrato per comunicare all’Agenzia che si tratta dell’ultima dichiarazione IVA prima dell’ingresso al Gruppo da inviare a partire dal 1° febbraio e fino alla data di scadenza fissata per il 30 aprile 2019. Per quanto riguarda il modello Unico 2019, uno spazio sarà dedicato a chi ha usufruito dell’Ape volontaria. Tutti i modelli sono in versione definitiva.

Previous Nuove regole flax tax
Next Codice dei Contratti non conforme alle Direttive UE

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Nuovi obblighi per la contabilizzazione del calore

Il Dlgs 102/14 impone per i condomini la contabilizzazione del calore diretta, ovvero deve essere installato un contatore per ogni unità abitativa: questo per recepire la direttiva europea 27/2012/EU che

Attualità

Lavori pubblici: ancora ritardi dalla pubblica ammistrazione

Nonostante la direttiva europea n. 7 del 2011 e il conseguente decreto legislativo n. 192 del 9 novembre 2012 che ne recepisce le finalità e mette nero su bianco le

Attualità

Le fondamenta valgono come inizio lavori

Non è facile capire quando per un cantiere si può parlare di inizio dei lavori, così la recente sentenza del Consiglio di Stato n. 467/2018 ha chiarito con precisione che