Molise: credito immediato per imprese che hanno ricostruito dopo il sisma
1905 Views

Molise: credito immediato per imprese che hanno ricostruito dopo il sisma

Il Presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, ha studiato una soluzione per ovviare il problema dei pagamenti non ancora versati alle imprese edili che si sono impegnate nella ricostruzione post-sisma. La proposta prevede la liquidità immediata da parte di Finmolise, che potrà ricorrere anche al Fri, ovvero il fondo istituito per le imprese.

Lo stanziamento complessivo ammonta a sei milioni di euro di natura rotativa, è un aiuto che la Regione mette in atto per venire incontro alle esigenze di liquidità degli imprenditori che hanno lavorato per la ricostruzione degli edifici dopo i danni subiti dal terremoto ma ancora non hanno visto riconosciuti i loro crediti dall’ Arps: in questo modo anche i lavori non ancora eseguiti per mancanza di fondi potranno essere intrapresi, con un grande vantaggio non solo per le imprese ma anche per tutti i cittadini che ancora non hanno potuto rientrare in possesso delle loro abitazioni danneggiate.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Bonus caldaie 2018

La nuova Legge di Bilancio 2018, fra le tante agevolazioni per il risparmio e l’efficienza energetica, include anche uno specifico bonus per l’installazione di caldaie a condensazione di classe A.

Attualità

Blocca-cantieri: eliminato bonus 2% per progettisti della PA

Dopo le proteste delle associazioni di categoria di ingegneri e progettisti tecnici, la legge sblocca-cantieri è stata approvata con importanti emendamenti che danno ragione ai professioni. Innanzitutto, è stato eliminato

Attualità

Responsabilità precontrattuale della PA per clausole ambigue

L’Adunanza Plenaria (il massimo organo di Giustizia Amministrativa) ha decretato che le stazioni appaltanti che nei loro bandi hanno delle clausole considerate ambigue e che in questo modo possono condurre