Molise: credito immediato per imprese che hanno ricostruito dopo il sisma
1699 Views

Molise: credito immediato per imprese che hanno ricostruito dopo il sisma

Il Presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, ha studiato una soluzione per ovviare il problema dei pagamenti non ancora versati alle imprese edili che si sono impegnate nella ricostruzione post-sisma. La proposta prevede la liquidità immediata da parte di Finmolise, che potrà ricorrere anche al Fri, ovvero il fondo istituito per le imprese.

Lo stanziamento complessivo ammonta a sei milioni di euro di natura rotativa, è un aiuto che la Regione mette in atto per venire incontro alle esigenze di liquidità degli imprenditori che hanno lavorato per la ricostruzione degli edifici dopo i danni subiti dal terremoto ma ancora non hanno visto riconosciuti i loro crediti dall’ Arps: in questo modo anche i lavori non ancora eseguiti per mancanza di fondi potranno essere intrapresi, con un grande vantaggio non solo per le imprese ma anche per tutti i cittadini che ancora non hanno potuto rientrare in possesso delle loro abitazioni danneggiate.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Sentenze: il costruttore non è responsabile delle irregolarità sui permessi

La recente sentenza della Corte di Cassazione n. 11519 del 2019 ha assolto un’impresa edile che era stata riconosciuta colpevole di non avere verificato le irregolarità dei permessi di costruire.

Attualità

SOA: non avranno più obbligo di sede in Italia

Se ne discuteva già da tempo alla Corte Europea: le SOA, ovvero le Società Organismi di Attestazione, che nel nostro Paese avevano obbligo di sede legale in Italia, sono considerate

Attualità

Sismabonus: il tetto massimo che blocca i capannoni

Con l’ultimo decreto Sismabonus contenuto nella Legge di Bilancio n.232/2016 molte opere di adeguamento di capannoni per attività commerciali rischiano di essere bloccate perché non rientrano nel tetto massimo di