Nuove regole per l’edilizia libera

Nuove regole per l’edilizia libera

Grazie allo schema di decreto Infrastrutture-Semplificazione e Pubblica Amministrazione sono state chiarite oltre 58 definizioni per le opere di edilizia privata che non necessitano di alcuna comunicazione preventiva di inizio lavori, un glossario che sarà operativo subito dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, senza la necessità di ulteriori atti o delibere regionali perché sia operativo in tutta l’Italia.

Il glossario è un utile strumento per individuare in maniera chiara e rapidamente tutti quei piccoli interventi di ristrutturazione o manutenzione per i quali già da tempo non è prevista comunicazione al comune di appartenenza tramite Scia, Cila o Cil. Oltre ai casi già previsti, sono elencati i casi limite per i quali i Comuni non potranno imporre alcun vincolo, e sui quali i lavori possano procedere senza alcuna comunicazione o richiesta. La semplificazione e il buon senso sono due delle migliori strategie a disposizione per far ripartire l’edilizia, che in questi ultimi anni ha subito un declino anche per via della burocrazia che impone norme troppo rigide.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 538 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Nel più ampio panorama della riconversione a fonti di energia rinnovabile e della de-carbonizzazione, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato la bozza di decreto che prevede interessanti incentivi

Attualità

Piattaforma sindacale unitaria per il rinnovo del contratto nazionale edilizia

I sindacati nel settore costruzioni, in particolare Feneal, Filca e Fillea, hanno approvato la settimana scorsa l’ordine del giorno che verteva sulle richieste per il nuovo contratto nazionale collettivo CCNL

Attualità

Lavori pubblici: ancora ritardi dalla pubblica ammistrazione

Nonostante la direttiva europea n. 7 del 2011 e il conseguente decreto legislativo n. 192 del 9 novembre 2012 che ne recepisce le finalità e mette nero su bianco le