In Gazzetta Ufficiale gli orientamenti per edifici a energia quasi zero

In Gazzetta Ufficiale gli orientamenti per edifici a energia quasi zero

La Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea ha pubblicato la Legge 208/46 del 2 agosto 2016 che contiene gli orientamenti che i nuovi edifici devono avere per il risparmio energetico e le emissioni: il fulcro è assicurare che tutti gli edifici di nuova costruzione siano costruiti con progettazioni conformi alle direttive europee NZEB, ovvero con sistemi di energia quasi zero, entro il 2020. L’efficienza energetica infatti è un nodo cruciale per lo sviluppo dei nuovi sistemi ad energia alternativa e pulita, che dovranno essere costruiti in maniera integrata in modo che si raggiunga nel minor tempo possibile l’obiettivo comune stabilito.

L’Unione Europea consiglia agli Stati membri delle linee guida, in particolare una miglior comunicazione fra politica e imprese del settore e un sistema di incentivi e politiche a supporto delle ristrutturazioni che modifichino gli edifici esistenti e li rendano conformi alla direttiva sull’energia quasi zero.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 624 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Bonus compra-affitta

Il decreto legislativo n.133 del 12/09/2015 è diventato finalmente attuativo grazie al DM denominato sblocca-Italia. Con le nuove norme infatti sono previsti diversi sgravi per chi compra un immobile ad

Attualità

Il nuovo Codice Appalti attiva la Cabina di Regia

Lo scorso 31 agosto con decreto del presidente del consiglio è stato approvato un importante correttivo del nuovo Codice Appalti relativo alla Cabina di Regia, un’istituzione che avrà il compito

Attualità

Post-sisma: Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea

L’Unione Europea ha aperto un fondo di solidarietà destinato alla ricostruzione dopo i recenti terremoti che hanno colpito il centro Italia. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a 30 milioni