Post-sisma: Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea
2033 Views

Post-sisma: Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea

L’Unione Europea ha aperto un fondo di solidarietà destinato alla ricostruzione dopo i recenti terremoti che hanno colpito il centro Italia. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a 30 milioni di euro, da utilizzare per gli interventi e le opere di ripristino dell’edilizia urbana e delle attività commerciali danneggiate. Proprio in questi giorni l’Italia riceverà dal FSUE (Fondo Solidarietà Unione Europea) un anticipo che corrisponde ai 30 milioni, la cifra più alta che l’Unione Europea possa anticipare per interventi di questo tipo.

L’Unione Europea ha altresì proposto la possibilità di modificare la direttiva specifica di coesione 2014-2020 per poter finanziare in toto la ricostruzione dei comuni colpiti, e non solo una percentuale. Dopo la stima totale dei danni l’Italia comunicherà all’Unione Europea l’importo totale della ricostruzione, in modo che il Fondo di Solidarietà possa essere utilizzato al meglio con un tasso di cofinanziamento UE pari al 100%, previsto in caso di catastrofi naturali.

Previous Ecobonus: vademecum ENEA per interventi di domotica
Next Studi professionali: detassazione sui premi produttività

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Regolamento Edilizio Unico: gli enti locali ne escono rafforzati

L’ultimo accordo sul Regolamento Edilizio Unico, diventato ora Regolamento Edilizio tipo, raggiunto con la conferenza unificata Stato – Regioni cui hanno partecipato oltre a questi anche Province Autonome ed Enti

Attualità

Cambio destinazione d’uso e permessi

Una recente sentenza del TAR Campania (n.846/2018) chiarisce quando sia necessario o meno il permesso comunale a costruire in edifici per i quali si desidera cambiare la destinazione d’uso. Nella

Attualità

Pubblicato il nuovo Accordo sulla formazione dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione

Il 7 luglio è stato approvato il nuovo accordo che ridefinisce le regole per la formazione dei responsaboli e degli addetti ai servizi di prevenzione e prevenzione, pubblicato dalla Conferenza