Ancora pochi giorni per aderire al Piano Edilizia Scolastica

Ancora pochi giorni per aderire al Piano Edilizia Scolastica

Fino al 20 gennaio 2017 le Regioni avranno la possibilità di aderire al Piano governativo per gli interventi di edilizia scolastica, il cui fondo economico è stimato in 100 milioni di euro. Il piano prevede l’individuazione di territori idonei ad ospitare nuovi edifici scolastici innovativi dal punto di vista architettonico e strutturale. La disponibilità all’adesione al piano può essere data le Regioni, anche attraverso Città Metropolitane, Comuni e Amministrazioni Provinciali, anche in forma associata.

L’adesione deve essere effettuata telematicamente tramite il sito internet italiasicura.governo.it in cui è possibile trovare un modello da compilare predisposto dallo SMES (Struttura di missione per il coordinamento e l’impulso nell’attuazione di interventi di riqualificazione dell’edilizia scolastica) istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’invio dovrà essere effettuato tramite posta certificata PEC entro e non oltre le 20:00 del 20 gennaio 2017. L’indirizzo mail di riferimento è ediliziascolastica@pec.governo.it.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 621 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Ristrutturazioni: quando non serve la comunicazione all’ENEA

Per quanto riguarda le ristrutturazioni che comportano la modifica di impianti o elementi costruttivi per il risparmio energetico, è sempre obbligatorio inviare telematicamente all’ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie,

Attualità

In Sicilia il settore edile è in forte calo

Il primo semestre del 2016 rivela una situazione disastrosa per il settore edile in Sicilia. A dare l’allarme è la Direzione affari economici e Centro studi dell’Ance nazionale attraverso un

Attualità

Nuovo codice appalti: l’Anac lancia l’allarme da caos bandi

Il nuovo codice appalti in vigore in Italia dal 18 aprile, che recepisce le direttive europee sul settore edile n. 23, 24 e 25 del 2015, contiene anche delle nuove