0 2304 Views

Ecobonus: vademecum ENEA per interventi di domotica

L’Ecobonus autorizzato dalla recente Legge di Stabilità riguarda, oltre agli interventi per l’efficientamento energetico più classici, anche quelli basati sulla building automation, ovvero gli interventi di domotica che consentono di controllare impianti termici e altri elettrodomestici nella propria casa in maniera automatizzata, quindi con controllo da remoto (le detrazioni riguardano solo gli impianti, non gli smartphone o i dispositivi delegati al controllo da parte dell’utente).

Sul sito dell’ente ENEA è infatti disponibile un vademecum completo che elenca tutti i possibili incentivi cui è possibile accedere qualora si decida di installare nella propria casa degli impianti di questo tipo, che possono arrivare fino al 65% delle spese sostenute per l’installazione e la messa in opera di sistemi di building automation. Le spese e i documenti devono essere inviati telematicamente tramite il sito ENEA entro 90 giorni dalla fine dei lavori. Un’occasione per migliorare l’efficienza energetica e innovare la propria casa secondo le ultime novità del settore.

Previous Nuovo contratto ANCE per fornitura di calcestruzzo preconfezionato
Next Post-sisma: Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Nuova direttiva europea sul riciclo consapevole

Il 4 luglio entreranno in vigore anche in Italia le nuove norme europee sull’ambiente atte ad alimentare un’economia circolare incentrata sul riciclo, che punta a disincentivare le discariche a favore

Ambiente

In aumento i consumi petroliferi

L’Unione petrolifera, associazione di Confindustria che riunisce le principali aziende di settore che operano in Italia, ha diffuso un dossier relativo ai primi sette mesi del 2018 e riguardante i

Ambiente

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero