Riforma Madia sulla PA: l’evoluzione telematica dello sportello edilizio
1452 Views

Riforma Madia sulla PA: l’evoluzione telematica dello sportello edilizio

Il testo attuativo della Riforma Madia sulla Pubblica Amministrazione (Legge 124/2015) comprende anche importanti norme per velocizzare le pratiche di apertura attività: le comunicazioni relative alle nuove imprese dovranno essere comunicate sempre e solo per via telematica allo sportello delle attività produttive. L’evoluzione informatica riguarda anche lo sportello edilizio telematico, infatti si potranno aprire cantieri e dare comunicazione di inizio lavori più rapidamente alla PA. Il nuovo livello di comunicazione fra pubblica amministrazione e imprese che lavorano nel campo edilizio comprende anche la pratica del silenzio – assenso: laddove non ci siano comunicazioni da parte della PA in proposito o eventuali dissensi sui progetti presentati, si potrà procedere.

Anche i tempi di comunicazione per l’approvazione degli atti è stata migliorata, infatti gli atti dovranno essere approvati entro 30 giorni, non più entro 90 giorni come prima dell’entrata in vigore della Riforma. Un modo per snellire e migliorare i rapporti fra imprenditori e pubblica amministrazione, che accoglie le richieste di chi da tempo desidera una pubblica amministrazione più snella ed efficiente in materia di appalti e lavori edili.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Sempre più imprese richiedono il “bollino di qualità” Antitrust

L’edilizia è uno dei settori in prima linea per la richiesta dell’attribuzione del rating di legalità, una sorta di bollino di qualità attribuito dall’Antitrust alle imprese considerate virtuose. Nel 2016

Attualità

Nuovi finanziamenti dal Fondo Sviluppo e Coesione

Il CIPE, ovvero il Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020, ha recentemente comunicato agli operatori del settore edile che metterà a disposizione 15,2 miliardi di euro da destinare alle infrastrutture, all’efficienza

Attualità

Sismabonus per chi compra case ricostruite

Fino a 96mila euro di spesa agevolabile e detrazioni fiscali maggiorate per chi sceglie di comprare un’unità immobiliare, anche in condominio, ricostruita e ristrutturata nelle zone classificate dai documenti ufficiali