La Campania si adegua alle direttive UE sui rifiuti

La Campania si adegua alle direttive UE sui rifiuti

La Regione Campania ha accolto le direttive UE sul tema dei rifiuti con la legge regionale n.14/2016 dal titolo “Norme di attuazione della disciplina europea e nazionale in materia di rifiuti”. Il sistema obsoleto vigente nella Regione era infatti costato al governo centrale italiano la condanna da parte della Corte di Giustizia Europea per il mancato adepimento delle norme che regolano la gestione dei rifiuti.

La norma si basa sul presupposto dell’economia circolare, che comprende non solo il riciclo e il riutilizzo dei rifiuti per cui è possibile, ma anche la bonifica dei siti e delle aree inquinate e un maggior controllo sui rifiuti speciali. La nuova legge regionale è costituita da un corpo di 52 articoli, che comprende anche gli obiettivi minimi che devono essere raggiunti nel 2020, in particolare la differenziata per una percentuale del 65% e in più il 70% per ogni tipologia di differenziata deve essere recuperato. La Regione Campania cercherà di promuovere il nuovo modus operandi per quanto riguarda i rifiuti e il riciclo anche con bonus e premi ai Comuni considerati virtuosi.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Sgravi riqualificazione energetica

Verifiche Enea su accesso bonus riqualificazione energetica Cominciano i controlli a campione dell’Enea per verificare la sussistenza delle condizioni di accesso per chi ha richiesto gli incentivi statali per la

Ambiente

Anche in Lombardia nuova legge sul recupero seminterrati

La Lombardia, come altre regioni italiane prima di lei (fra cui Basilicata, Sardegna, Sicilia, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Molise e Puglia) ha approvato con una legge regionale il regolamento per

Ambiente

Dissesto idrogeologico: 7,5 milioni di italiani a rischio

Secondo il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, intervenuto recentemente sulle calamità naturali che si sono susseguite negli ultimi giorni (sono ben 11 le Regioni italiane che hanno richiesto nell’ultimo mese lo