L’edificio ha più valore se è “green”

L’edificio ha più valore se è “green”

La società Johnson Controls ha appena reso noti i dati di una sua ricerca sulla situazione della sostenibilità in edilizia nel nostro territorio nazionale. L’osservatorio nazionale sulla nuova edilizia sostenibile ha infatti appurato che il valore dei canoni d’affitto, così come il prezzo di vendita degli immobili, è pari a una percentuale compresa fra il 2% e il 10% se l’immobile rispetta le direttive sull’edilizia green. Per il momento i maggiori interventi sul campo della bioedilizia sono stati intrapresi in particolare nel settore dell’edilizia residenziale e privata, mentre sul pubblico ancora stentano a decollare la nuova progettazione e i nuovi materiali considerati ecosostenibili e a basso impatto ambientale.

Le nuove costruzioni sono state fomentate dagli incentivi governativi ed europei che mirano a espandere e far crescere il settore dell’edilizia green. Tuttavia in Italia sono oltre il 70% gli edifici, costruiti prima del 1977, che avrebbero bisogno di ristrutturazioni e di interventi per migliorare prestazioni energetiche ed efficienza generale. L’Italia è sicuramente ancora indietro rispetto ad altri Paesi, soprattutto nel nord-Europa, ma il percorso verso l’efficientamento energetico è cominciato e prosegue senza intoppi.

Previous Nuovi finanziamenti governativi per l’edilizia e i beni culturali
Next Fotovoltaico italiano in Iran

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Nasce il sistema di allerta per maremoti

La Protezione Civile, con una direttiva del Consiglio dei Ministri datata 17 febbraio 2017 e ora pubblicata anche nella Gazzetta Ufficiale, ha istituito il Sistema di Allertamento nazionale per i

Ambiente

Nuovo Regolamento sull’Autorizzazione Paesaggistica: interventi esclusi

Grandi novità nel campo degli interventi semplificati, ovvero tutti i lavori che non necessitano di autorizzazione preventiva da parte della pubblica amministrazione, o che necessitano di autorizzazione semplificata rispetto a

Ambiente

Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti

Con la soppressione del Sistri dal 1° gennaio 2019 il Ministero dell’Ambiente ha contemporaneamente attivato un nuovo  Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti che verrà gestito direttamente dal