Fotovoltaico italiano in Iran

Fotovoltaico italiano in Iran

Una delle opere di modernizzazione più importante nel medioriente sarà sostenuta da un gruppo di professionisti italiani. Il progetto per una centrale fotovoltaica da 600 milioni di euro sorgerà in Iran grazie alla società Quercus, fondata da Diego Biasi e amministrata dal top manager Vito Gamberale. Il gruppo Quercus sta ricercando investitori e si occuperà nella fattispecie di costruzione, sviluppo e gestione del maxi impianto, che secondo le proiezioni potrebbe diventare pienamente operativo già nel 2020.

L’impianto è ideato con una capacità energetica pari a 600 megawatt, che costituirà una grande percentuale dell’energia pulita totale dello stato mediorientale, che si è altresì impegnato nello sviluppo di altri impianti, più piccoli, sparsi sul suo territorio. L’80% degli investitori che interverranno con i loro fondi nel progetto sono internazionali, ovvero investitori iraniani all’estero, e solo per il 20% verranno utilizzati investitori e risorse locali. Secondo Diego Biasi la nascita del mega impianto fotovoltaico in Iran è fondamentale per sfruttare le potenzialità che hanno a che fare con le energie rinnovabili nel Paese.

 

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Maxi-opere in Turchia: inaugurato il terzo ponte sul Bosforo

Il ponte sul nord del Bosforo, realizzato con la partecipazione della società italiana Astaldi, che mantiene il 50% delle quote totale, è uno dei lavori più imponenti non solo della

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Aeroporto di Istanbul una nuova Torre di controllo

Il progetto, vincitore dell’International Architecture Award 2016 del Chicago Athenaeum, è stata disegnato da Pininfarina ed AECOM Una torre di forma ellittica ispirata ad un tulipano, simbolo di Istanbul e

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Cooperativa di Ravenna costruirà un tunnel nelle Filippine

La CMC (Cooperativa Muratori e Cementisti) di Ravenna, una delle cooperative di costruzione con il fatturato più alto in Italia e nel mondo, si è aggiudicata un bando di gara