Fotovoltaico italiano in Iran

Fotovoltaico italiano in Iran

Una delle opere di modernizzazione più importante nel medioriente sarà sostenuta da un gruppo di professionisti italiani. Il progetto per una centrale fotovoltaica da 600 milioni di euro sorgerà in Iran grazie alla società Quercus, fondata da Diego Biasi e amministrata dal top manager Vito Gamberale. Il gruppo Quercus sta ricercando investitori e si occuperà nella fattispecie di costruzione, sviluppo e gestione del maxi impianto, che secondo le proiezioni potrebbe diventare pienamente operativo già nel 2020.

L’impianto è ideato con una capacità energetica pari a 600 megawatt, che costituirà una grande percentuale dell’energia pulita totale dello stato mediorientale, che si è altresì impegnato nello sviluppo di altri impianti, più piccoli, sparsi sul suo territorio. L’80% degli investitori che interverranno con i loro fondi nel progetto sono internazionali, ovvero investitori iraniani all’estero, e solo per il 20% verranno utilizzati investitori e risorse locali. Secondo Diego Biasi la nascita del mega impianto fotovoltaico in Iran è fondamentale per sfruttare le potenzialità che hanno a che fare con le energie rinnovabili nel Paese.

 

Previous L’edificio ha più valore se è “green”
Next Digital&BIM a Bologna

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Viaggi nel mondo dell'edilizia

La Taule: il centro sportivo per body-builders, ginnasti e fitness addicted

La struttura progettata dallo studio canadese “Architecture Microclimat” in Quebec Cosa cerca uno sportivo, se non un luogo strutturalmente attento alle sue esigenze in cui potersi allenare in comodità e

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Paesaggista fiorentino premiato a Singapore

Stefano Passerotti, garden design fiorentino, ha ottenuto due importanti riconoscimenti internazionali all’evento di settore più importante in estremo Oriente, il Garden Festival che si svolge annualmente a Singapore. Stefano Passerotti

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Un castello di ghiaia e cemento nato dall’idea di un umile postino nel lontano 1879

“Le Palais Ideal” riporta decori orientali, la maggior parte dei quali derivano da immagini di cartoline e riviste che consegnava durante la sua giornata di lavoro.   Questa volta vi