Aeroporto di Istanbul una nuova Torre di controllo

Aeroporto di Istanbul una nuova Torre di controllo

Il progetto, vincitore dell’International Architecture Award 2016 del Chicago Athenaeum, è stata disegnato da Pininfarina ed AECOM

Una torre di forma ellittica ispirata ad un tulipano, simbolo di Istanbul e punto di riferimento culturale della Turchia, trionferà sul nuovo aeroporto della capitale turca.

È stato comunicato il 26 ottobre, durate la cerimonia che ha decretato l’inizio dei lavori, che si prevede termineranno nell’arco di sei mesi. Il progetto, vincitore dell’International Architecture Award 2016 del Chicago Athenaeum, ha superato le proposte esposte da altri sei studi internazionali di architettura, tra i quali Zaha Hadid, Fuksas, Moshe Safdie, Grimshaw-Nordic e RMJM, ed è spiccato perché ritenuto adatto ad un aeroporto del 21° secolo coerente alla tradizione urbana della città di Istanbul.

La torre, disegnata da AECOM e Pininfarina, dell’altezza di 90 metri, sovrasterà un’area di 6085 m2 e si distinguerà per il suo design innovativo e le sue forme aerodinamiche. «Abbiamo voluto fondere il dinamismo e il fascino dello stile architettonico di Pininfarina, sfruttando le capacità interne e il singolare design automobilistico di AECOM. – ha dichiarato Paolo Pininfarina, presidente di Pininfarina- L’accoppiata ha creato un’opera altamente funzionale capace di riaccendere l’emozione e il fascino di coloro che viaggiano tra Europa e Asia».

L’aeroporto di Istanbul, che sarà ubicato a 35 km dal centro della città nei pressi del Mar Nero, una volta completato, diventerà il più grande e moderno aeroporto del mondo. Secondo i primi dati, inizialmente potrà contenere circa 90 milioni di passeggeri l’anno. In fase di costruzione ci sarà un’estensione dell’area aeroportuale di sei piste e tre terminal. A completamento, invece, l’aeroporto si prevede avrà una notevole capacità annua fino a 200 milioni di passeggeri.

Durante la cerimonia, Yusuf Akçayoglu, CEO della costruzione degli Aeroporti IGA, ha affermato che «Le torri di controllo, oltre ad avere un ruolo funzionale, hanno assunto nel tempo un valore simbolico negli aeroporti di nuova generazione, divenendo icone del design architettonico. Crediamo che questa Torre di controllo, della quale celebriamo oggi il grounbreaking, offrirà a Istanbul un nuovo simbolo della città e affascinerà la comunità aeronautica con il suo design unico».

La struttura riporterà alcune caratteristiche provenienti dall’architettura storica turca, come ad esempio l’atrio centrale a doppia altezza dotato di un lucernario impreziosito da un motivo a mosaico studiato su misura.

Previous CMF Greentech vince il premio Saie Innovation - verso impatto zero
Next Obbligo di installazione dispositivi contabilizzazione calore

About author

Lucy Modugno
Lucy Modugno 9 posts

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’università degli studi di Bari Aldo Moro nell’anno 2016. Scrittrice e amante della fotografia e dell’artigianato. Appassionata di edilizia e architettura ecosostenibile nel rispetto delle condizioni energetiche e di qualità dell’ambiente, affinché esse permettano di creare un’interazione armonica tra l’uomo e la natura.

View all posts by this author →

You might also like

Viaggi nel mondo dell'edilizia

La Taule: il centro sportivo per body-builders, ginnasti e fitness addicted

La struttura progettata dallo studio canadese “Architecture Microclimat” in Quebec Cosa cerca uno sportivo, se non un luogo strutturalmente attento alle sue esigenze in cui potersi allenare in comodità e

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Il gruppo Gavio conquista New York

Itinera, la società che si occupa di costruzioni di grandi infrastrutture controllata dal gruppo Gavio, ha acquisito il 50% delle quote di Halmar, società di costruzioni con sede a New

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Dubai: il megaimpianto fotovoltaico dell’azienda italiana Ghella

Il raggruppamento di imprese costituito dall’italiana Ghella e dalle spagnole Gransolar e Acciona ha appena firmato a Dubai l’accordo per realizzare quello che diverrà il più grande impianto fotovoltaico esistente