Saigon: ampi spazi in una piccola casa

Saigon: ampi spazi in una piccola casa

Creare un appartamento ventilato e luminoso su un lotto di appena 3,5×12 metri, con una sola facciata rivolta verso la strada: questa la sfida raccolta e vinta dallo studio vietnamita Kientruc O, Saigon.

Il risultato è House 304, che si sviluppa in verticale alla ricerca di spazio e luce. Nonostante sia costruita su un lotto angusto, la casa è piuttosto ampia e luminosa grazie alla grande apertura del soffitto che consente al sole di illuminarla completamente. L’azione del sole è coadiuvata dal colore bianco puro delle pareti, ma anche da affacci e aperture ricavati nella parete della facciata, che creano sofisticati giochi di luce.

L’unico tocco di colore è dato dal marrone scuro degli arredi e dal verde brillante delle piante che si affacciano sull’apertura centrale.

Previous La cucina raffinata si fa rock
Next Crossboundaries crea il sesto Family Box in Cina

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Sono italiani i progettisti del nuovo Museo del Mare in Qatar

Il made in Italy è per molti una garazia di qualità, originalità e gusto estetico in tantissimi settori. In relazione alla progettazione edilizia, l’eccellenza italiana è stata selezionata in Qatar

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Un castello di ghiaia e cemento nato dall’idea di un umile postino nel lontano 1879

“Le Palais Ideal” riporta decori orientali, la maggior parte dei quali derivano da immagini di cartoline e riviste che consegnava durante la sua giornata di lavoro.   Questa volta vi

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Maxi-opere in Turchia: inaugurato il terzo ponte sul Bosforo

Il ponte sul nord del Bosforo, realizzato con la partecipazione della società italiana Astaldi, che mantiene il 50% delle quote totale, è uno dei lavori più imponenti non solo della