Sono italiani i progettisti del nuovo Museo del Mare in Qatar

Sono italiani i progettisti del nuovo Museo del Mare in Qatar

Il made in Italy è per molti una garazia di qualità, originalità e gusto estetico in tantissimi settori. In relazione alla progettazione edilizia, l’eccellenza italiana è stata selezionata in Qatar per la progettazione del Qatar Underwater Archeological Museum, che una volta ultimato sarà il museo del mare più esteso al mondo e conterrà diversi spazi dedicati alla biologia marina, alla storia che ha avuto il mare come protagonista (battaglie navali, scoperte…), alla pesca, al cinema, alla letteratura e a tutto ciò che riguarda direttamente o indirettamente Mari e Oceani.

Il progetto, presentato in questi giorni a Roma, è stimato in 7 miliardi di dollari e prenderà via a breve la fase di progettazione, che durerà un anno e mezzo, a cui seguirà la realizzazione vera e propria del Museo del Mare a Lusail City che sarà terminato, secondo le stime, entro quattro anni dall’inizio dei lavori. L’idea del progetto è di Francesco Scavelli di Bluimage Productions e le infrastrutture che verranno realizzate sono di Pras Tecnica Edilizia e Schiattarella Associati. I progettisti credono che sarà possibile ammirare la struttura completa già nel 2022, anno in cui sono previsti i campionati mondiali di calcio in Qatar.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 624 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Edilizia scolastica: progetti per la scuola del futuro

Il gruppo di ricerca Indire ha ideato una rappresentazione architettonica per favorire l’apprendimento. Come in ogni settore, anche in quello dell’edilizia scolastica si punta sempre nel trovare sistemi funzionali e

Attualità

I big dell’edilizia stritolati dalla crisi

La crisi nel settore edile, in particolare i ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione per le grandi opere pubbliche, ha messo in ginocchio quattro fra le dieci più

Attualità

Prorogato lo stato di emergenza per zone terremotate

Le regioni che hanno subito danni negli ultimi avvenimenti sismici del 2016 sono considerate fino al 31 dicembre 2018 in stato di emergenza, questo in pratica comporta una proroga di