Tirana: Evoked, mostra itinerante sull’abusivismo edilizio

Tirana: Evoked, mostra itinerante sull’abusivismo edilizio

Il 22 febbraio parte a Tirana un’interessante mostra itinerante organizzata e curata da un gruppo di 32 architetti italiani e albanesi che si focalizza sull’abusivismo edilizio, e sulle sue conseguenze sull’estetica e sull’ambiente. L’indagine dei professionisti parte dalle costruzioni residenziali abusive sulla costa albanese, portate avanti dal 1991 in avanti, quando la crescita esponenziale della domanda abitativa ha dato vita a un fenomeno che con il tempo è diventato preoccupante e ha cambiato il volto al paesaggio costiero dell’Albania.

La mostra, attraverso una serie di fotografie che documentano la portata dell’abusivismo e le devastanti conseguenze, è promossa dall’Istituto Italiano di Cultura a Tirana, dall’ Agjencia Kombëtare e Planifikimit të Territorit, dal Politecnico di Bari e dall’istituto INTBAU. Un incontro fra differenti culture per riflettere sui vecchi modelli abitativi e sulle modalità per la riqualificazione delle aree interessate al fenomeno.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Eventi

REBbuild a Riva del Garda

Il 21 e il 22 giugno si terrà a Riva del Garda l’evento internazionale Rebuild, dedicato ai temi edili quali la riqualificazione urbana, l’efficienza energetica e lo sviluppo immobiliare. Le

Eventi

Novembre: mese dell’efficienza energetica

Novembre sarà il mese dell’efficienza energetica, un’iniziativa promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzata dall’ENEA nell’ambito della Campagna Nazionale “Italia in Classe A”. Il risparmio energetico in casa, nei

Eventi

AstanaBuild: fiera dell’edilizia in Kazakistan

La nuova capitale del Kazakistan, Astana, deve molto all’ingegneria europea e in particolare italiana, svizzera, francese e turca. Il suo volto moderno è infatti stato realizzato grazie alla collaborazione con