Inarcassa: crediti per oltre 800 milioni di euro

Inarcassa: crediti per oltre 800 milioni di euro

La cassa previdenziale di architetti e ingegneri, Inarcassa, comunica che dai controlli è emerso che per quanto riguarda l’anno 2018 oltre 50 mila professionisti iscritti sarebbero inadempienti nei confronti degli obblighi di versamento, per un totale di circa 800 milioni di euro mancati. Il recupero sta avvenendo anche grazie alla collaborazione con l’Agenzia delle Entrate e Inarcassa fa sapere che, a parte una quota di adempimenti previdenziali considerata ormai inesigibile, la restante parte verrà recuperata senza alcuna sanatoria, condono o rottamazione.

In particolare, circa 20 mila professionisti avrebbero morosità e ritardi di due o tre anni sui versamenti dovuti, mentre altri 30 mila avrebbero dei ritardi addirittura maggiori. In totale i professionisti iscritti a Inarcassa sono circa 168 mila per questo le quote mancate sono ancora più evidenti, corrispondendo a un gran numero di professionisti. Il presidente Giuseppe Santoro resta saldo sulla sua posizione di recupero senza la modalità di estinzione straordinaria richiesta dai 50mila professionisti inadempienti, che avrebbero conseguenze negative anche per i saldi della finanza pubblica.

Previous SMART BUILDING LEVANTE. IL SUD È SMART
Next Preavviso di 3 mesi per quota 100 statali

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Albo dei Periti Industriali: obbligo di laurea

A partire dal 2021 si potranno iscrivere all’albo nazionale dei Periti Industriali solo i professionisti che abbiano nel loro curriculum di studi almeno una laurea triennale, il motivo della scadenza

Attualità

Ancora rinvii per le Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni

Il testo sulla Nuove Norme Tecniche delle Costruzioni non è ancora stato approvato, l’accordo previsto lo scorso 24 novembre nella seduta della Conferenza Unificata Stato-Regioni non è infatti stato raggiunto.

Attualità

L’Agenzia delle Entrate chiuderà le partite iva ferme da anni

Una delle novità del decreto legislativo del 22 ottobre 2016, ovvero le disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili, riguarda le partite iva, siano esse