Bonus compra-affitta

Bonus compra-affitta

Il decreto legislativo n.133 del 12/09/2015 è diventato finalmente attuativo grazie al DM denominato sblocca-Italia. Con le nuove norme infatti sono previsti diversi sgravi per chi compra un immobile ad uso abitativo con lo scopo di locazione. In particolare, sono previsti sgravi fiscali fino al 20% del totale del costo complessivo d’acquisto.

Il bonus compra-affitta è valido solamente per le persone fisiche che acquistino un immobile, non è invece previsto se l’acquisto è effettuato da enti o persone giuridiche, di qualsiasi natura. Il tetto massimo di spesa per l’acquisto dell’immobile è fissato a 300 mila euro e deve essere concesso in affitto in un periodo che non superi i sei mesi dalla data di acquisto dello stesso. L’acquisto dell’immobile per cui si richiede il bonus deve essere effettuato fra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2017. In questo modo il governo spera di risollevare ulteriormente il mercato immobiliare e il settore edilizio da una stasi che già dall’anno scorso ha dato i primi segnali di ripresa.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Terremoti: il modello Umbria ha evitato la tragedia

Il terremoto che ha colpito il centro-Italia alle 7:40 del 29 ottobre, di magnitudo 6.5 secondo il centro nazionale INGV, ha portato vasti crolli ma ha evitato che i danni

Attualità

Per l’Anac anche gli appalti sotto la soglia minima devono avere commissioni esterne

Nella prima riforma dei lavori pubblici, la legge n.11/2016, vi era un articolo specifico sui commissari di gara negli appalti della pubblica amministrazione, che prevedeva venissero selezionati dall’Anac sia al

Attualità

Concessioni di servizi nel nuovo D.lgs. 50/2016

Prima della pubblicazione del nuovo decreto legislativo 50/2016, che accoglie le direttive europee su appalti e contratti pubblici, un concessionario di servizi era scelto tramite concertazione di almeno cinque operatori