Inarcassa taglia le sanzioni contributive ai professionisti

Inarcassa taglia le sanzioni contributive ai professionisti

Ingegneri e architetti iscritti alla cassa previdenziale Inarcassa potranno usufruire da quest’anno dell’importante modifica sulle aliquote per le sanzioni relative ai contributi non versati. Se prima l’aliquota era pari al 2% per ogni mese di ritardo nel pagamento dei contributi previsti, dopo la modifica le aliquote partiranno dallo 0,5% per il primo anno di ritardo e verranno innalzate al 2% soltanto al quarto anno di ritardo. L’aliquota si alzerà drasticamente solo dopo il 49simo mese di ritardo, in questo modo saranno sanzionati pesantemente solo i recidivi, mentre i professionisti in regola vedranno le sanzioni diminuite rispetto al passato.

Chi ha dei debito con Inarcassa inferiori a 10mila euro potrà tagliare le aliquote fino al 50% se sceglie di non rateizzare l’importo, questo per tutelare i professionisti con un monte debiti non elevato, per venire incontro alle esigenze e alle difficoltà che ingegneri e architetti stanno vivendo in questi anni per il calo di lavoro e la crisi del settore, che comunque si prospetta in ripresa per il 2016.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Blocca-cantieri: eliminato bonus 2% per progettisti della PA

Dopo le proteste delle associazioni di categoria di ingegneri e progettisti tecnici, la legge sblocca-cantieri è stata approvata con importanti emendamenti che danno ragione ai professioni. Innanzitutto, è stato eliminato

Attualità

Sismabonus: il tetto massimo che blocca i capannoni

Con l’ultimo decreto Sismabonus contenuto nella Legge di Bilancio n.232/2016 molte opere di adeguamento di capannoni per attività commerciali rischiano di essere bloccate perché non rientrano nel tetto massimo di

Attualità

Nuovi disegni di legge per semplificazioni

Sul tema burocrazia e semplificazioni, secondo il governo Conte, non si deve intervenire solo sul settore dell’edilizia e delle costruzioni: sono infatti dieci i disegni di legge per il riassetto