0 1758 Views

Nasce in Sardegna “Tutelami” per tutelare le aziende edili

L’abusivismo e il lavoro in nero crea gravi danni e mancato guadagno alle aziende che pagano regolarmente le tasse. Per questo motivo l’associazione degli artigiani ha lanciato una singolare iniziativa dal nome emblematico: Tutelami.

Le 24.407 aziende sarde iscritte alla Confcommercio possono segnalare episodi di abusivismo e far scattare i controlli inviando una mail all’indirizzo tutelami@confartigianato-imprese.com. La segnalazione potrà essere fatta da imprese ma anche da singoli cittadini e i controlli partiranno senza indicare il segnalatore, in via anonima e sotto protezione di dati. Secondo la presidente di Confartigianato Sardegna, Maria Carmela Folchetti, sono proprio le imprese edili (oltre a quelle operanti nel terzo settore e nel settore benessere) le più colpite dall’abusivismo. Secondo le stime, in Sardegna esistono due imprese che lavorano irregolarmente per ogni impresa iscritta alla camera di commercio: dei dati preoccupanti, che possono essere contrastati con la collaborazione degli artigiani che pagano regolarmente le tasse.

Previous Inarcassa taglia le sanzioni contributive ai professionisti
Next Nuovi fondi per ricerca e innovazione

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Autostrade: via libera a terze e quarte corsie

L’Allegato Infrastrutture al Def contiene importanti novità che riguardano l’ampliamento della rete autostradale nazionale esistente. I nuovi progetti per la realizzazione di terze e quarte corsie, con progetti già presentati

Attualità

Attenzione a chi propone impianti ceduti gratuitamente

Il GSE mette in guardia i cittadini italiani sulle quote finanziabili e sui bonus relativi al conto termico. Non sono infatti ammessi degli incentivi per impianti ceduti gratuitamente. La quota

Normative

Termovalvole: obbligatorie dal 30 giugno 2017

L’adeguamento alla Direttiva europea sul risparmio energetico che impone l’installazione di termovalvole negli impianti centralizzati dei condomini slitta fino al 30 giugno 2017, entro cui tutti dovranno adeguarsi alla nuova