Termovalvole: obbligatorie dal 30 giugno 2017

Termovalvole: obbligatorie dal 30 giugno 2017

L’adeguamento alla Direttiva europea sul risparmio energetico che impone l’installazione di termovalvole negli impianti centralizzati dei condomini slitta fino al 30 giugno 2017, entro cui tutti dovranno adeguarsi alla nuova normativa. Se inizialmente è stato segnalato il termine ultimo il 1° gennaio, con tanto di verifiche e sanzioni ai condomini che non si fossero adeguati, il decreto Milleproroghe fa slittare l’obbligo di ben sei mesi, in modo che chi ancora non abbia installato le termovalvole possa farlo senza incorrere in sanzioni.

Dopo il 30 giugno infatti il mancato adeguamento farà scattare multe che vanno dai 500 fino ai 2.500 euro. Per evitare la sanzione, i condomini con impianto centralizzato dovranno avere un sistema di contabilizzazione del calore installato su ogni impianto, le temovalvole dovranno essere installate su ogni calorifero in modo da misurare il calore emesso da ogni unità, e regolarne meglio la temperatura. La proroga è stata ideata per consentire ai tecnici di intervenire sugli impianti spenti da almeno tre settimane, così come necessario per questa tipologia di lavori.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 522 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Riqualificazione Energetica e credito d’imposta condomini

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è stata attivata un’apposita sezione in cui i condomini potranno richiedere le detrazioni spettanti per interventi di riqualificazione energetica dell’edificio o di parti condominiali. Il

Attualità

Presto novità sul Testo Unico per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

Durante l’importante convegno “Lo stato di applicazione della sicurezza e salute sul lavoro: quali regole e quanto applicate. Sviluppi futuri”, tenutosi a Rimini e organizzato dall’Unindustria, il tecnico giuslavorista Lorenzo

Attualità

SOA: non avranno più obbligo di sede in Italia

Se ne discuteva già da tempo alla Corte Europea: le SOA, ovvero le Società Organismi di Attestazione, che nel nostro Paese avevano obbligo di sede legale in Italia, sono considerate