Nuove regole per i tirocini: si premia chi assume

Nuove regole per i tirocini: si premia chi assume

Con una nuova Conferenza Stato-Regioni sulla materia dei tirocini si è approvato il nuovo piano cui le Regioni italiane sono chiamate ad aderire il prima possibile. La discussione su tirocini e futuro professionali dei giovani porta avanti un discorso cominciato nel 2013 con le linee guida del 24 gennaio, che ora vengono rimpiazzate dalle nuove decise durante la conferenza del 25 maggio 2017.

I tirocini possono essere attivati solo nelle aziende e nelle realtà lavorative in cui non ci siano stati dei licenziamenti nel corso dei precedenti 12 mesi, né possono essere attivati se l’oggetto del tirocinio corrisponde a quello svolto da lavoratori che sono stati mandati a casa con licenziamenti collettivi. Sarà invece possibile attivarli per le aziende che hanno scelto soluzioni per la gestione della crisi economica più etiche, come per esempio i contratti di solidarietà espansivi con la riduzione delle ore del personale o la retribuzione per poter riorganizzare l’azienda senza per questo licenziare. La tariffa minima da applicare per il tirocinio sarà di 300 euro come rimborso spese, che tuttavia può essere aumentata in maniera indipendente dalle Regioni. I tirocini extracurriculari dovranno essere gestiti da tre soggetti, ovvero il proponente, l’ospitante e il tirocinante. Regioni e Province autonome sono inoltre chiamate a inserire nelle linee guida la disciplina sanzonatoria per le aziende che non rispettano il disciplinare, impedendo oltresì l’attivazione di nuovi tirocini per un anno nei casi più gravi.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 540 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

In aumento i contributi dei professionisti

Riguardo la dichiarazione dei redditi e del volume d’affari relativo al 2017, si segnalano diversi aumenti nei contributi previdenziali dovuti da alcune categorie professionali fra cui avvocati, ragionieri, periti industriali,

Lavoro

Nuove regole per l’aggiornamento professionale degli Architetti

Gli architetti iscritti all’Ordine dovranno ottenere 60 crediti formativi ogni tre anni per poter essere in regola con gli l’aggiornamento continuo richiesto dalla professione. Nello specifico, dodici dei crediti previsti

Lavoro

Quando è previsto il Lavoro a chiamata in edilizia?

I contratti di lavoro a chiamata, che dal 2018 dovranno sostituire i voucher recentemente aboliti dal Governo, si configurano come dei contratti in cui il datore di lavoro può chiamare