Grandi numeri per il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Grandi numeri per il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Lo strumento del MePa, nato nel 2003 per supportare le pubbliche amministrazioni nella scelta e nell’acquisto di beni e servizi, è arrivato nel 2017 a un risultato mai raggiunto negli anni precedenti: gli appalti gestiti con il MePa infatti hanno superato la soglia dei 3 miliardi di euro, con un numero di contratti fra le imprese iscritte al MePa e le pubbliche amministrazioni che si attesta sulle 60mila unità. Il dato appare ancor più sorprendente se si prende come riferimento il 2010, in cui il valore degli acquisti tramite MePa raggiunse a malapena i 360 milioni di euro.

Si stima che la crescita media del flusso di operazioni sulla piattaforma del Mercato Elettronico nazionale sia pari al 50% su base annua, uno sviluppo che è stato favorito dall’ingresso sul mercato di nuovi operatori e dalla semplificazione governativa del Consip sul sistema di accesso agli appalti tramite la piattaforma telematica dedicata. Lo stumento si è rivelato utile soprattutto per le piccole e medie imprese, che hanno più possibilità d’accesso ad appalti pubblici, infatti nel portale le PMI corrispondono a circa il 99% delle imprese abilitate.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

Nuove professioni: restauratori di habitat marini

In Italia esiste un esempio virtuoso legato alle nuove professioni ambientali, si tratta dei professionisti noti come “restauratori di habitat marini” che lavorano per la Stazione Zoologica Anton Dohrn e

Lavoro

Nuove regole per l’aggiornamento professionale degli Architetti

Gli architetti iscritti all’Ordine dovranno ottenere 60 crediti formativi ogni tre anni per poter essere in regola con gli l’aggiornamento continuo richiesto dalla professione. Nello specifico, dodici dei crediti previsti

Lavoro

Ingegneri e architetti italiani all’Estero

Secondo l’ultima ricerca pubblicata dalla Fondazione Inarcassa, che ha visto coinvolto un campione di liberi professionisti che lavorano nel campo dell’ingegneria e dell’architettura pari a 14 mila unità, l’Estero è