Grandi numeri per il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione
1230 Views

Grandi numeri per il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Lo strumento del MePa, nato nel 2003 per supportare le pubbliche amministrazioni nella scelta e nell’acquisto di beni e servizi, è arrivato nel 2017 a un risultato mai raggiunto negli anni precedenti: gli appalti gestiti con il MePa infatti hanno superato la soglia dei 3 miliardi di euro, con un numero di contratti fra le imprese iscritte al MePa e le pubbliche amministrazioni che si attesta sulle 60mila unità. Il dato appare ancor più sorprendente se si prende come riferimento il 2010, in cui il valore degli acquisti tramite MePa raggiunse a malapena i 360 milioni di euro.

Si stima che la crescita media del flusso di operazioni sulla piattaforma del Mercato Elettronico nazionale sia pari al 50% su base annua, uno sviluppo che è stato favorito dall’ingresso sul mercato di nuovi operatori e dalla semplificazione governativa del Consip sul sistema di accesso agli appalti tramite la piattaforma telematica dedicata. Lo stumento si è rivelato utile soprattutto per le piccole e medie imprese, che hanno più possibilità d’accesso ad appalti pubblici, infatti nel portale le PMI corrispondono a circa il 99% delle imprese abilitate.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

Scattano nuovi controlli sulle partite iva

L’Agenzia delle Entrate intensificherà nel 2018 i controlli fiscali per le partite iva. Un primo campanello d’allarme che farà scattare maggiori controlli sarà il gap fra uscite ed entrate. Se

Lavoro

Al via per Inarcassa il cumulo gratuito per i professionisti

L’Inarcassa ha già trasmesso ai ministeri tutti i documenti utili a rendere operativo il cumulo gratuito, chiesto ormai da tempo dai professionisti, che potrà essere richiesto grazie alla Legge di

Lavoro

Geometri: nuove regole per l’invio di successioni e visure catastali

Da oggi anche geometri e periti tecnici potranno occuparsi dell’invio della documentazione relativa a successioni e visure catastali, una pratica che prima poteva essere svolta unicamente da notai, commercialisti e